Film troppo hot, Amber Heard denuncia il produttore

Oggi vi raccontiamo la burrascosa storia del bollente London Fields e del perchè Amber Heard ha ritenuto il prodotto finale troppo esplicito.

0
10963
Amber Heard

London Fields ha una storia quantomeno complicata.

Amber Heard denuncia il produttore di London Fields

Sebbene la lavorazione fosse stata ultimata nel lontano 2015, il film vedrà il buio della sala solo a partire da quest’anno. La causa di tale ritardo va ricercata nella burrascosa battaglia legale che ha caratterizzato questi tre anni di vuoto.

Alla base del contenzioso ci sarebbe il comportamento tenuto dal produttore Christopher Hanley in fase di post-produzione. Dopo aver licenziato il regista Mathew Cullen, Hanley avrebbe usato il girato per realizzare una Producer’s Cut molto spinta, che avrebbe violato gli accordi presi col regista e con il cast.

Per questo motivo, Cullen portò Hanley in tribunale, accusandolo di frode, non solo a causa dell’uso improprio fatto del girato, ma anche per non aver sborsato i soldi pattuiti per il lavoro svolto.

Un’altra causa è stata intentata da Amber Heard. Secondo l’attrice, la versione elaborata dal produttore, farebbe un uso estremamente spinto delle scene di nudo, andando in aperto contrasto con gli accordi presi. Stando suo racconto, il produttore avrebbe addirittura utilizzato una controfigura per girare una scena di sesso esplicito (pornografico secondo l’attrice), per poi montarla in modo tale da far intendere che la protagonista dell’atto fosse la stessa Heard.

QUI LE PRIME, ESPLICITE IMMAGINI DEL FILM!

Tale comportamento avrebbe mandato Amber Heard su tutte le furie. Ecco cosa dichiarò in merito il suo avvocato:

“Dopo aver letto la sceneggiatura, Amber Heard ha preteso che venissero inserite specifiche restrizioni per quanto riguarda le scene di nudità e di sesso presenti nel film. Era condizione indispensabile all’accettazione del il ruolo. Le riprese esplicite realizzate con questa controfigura non erano in programma e la signora Heard non avrebbe mai accettato di farle.”

Oltre a ciò, l’attrice ha accusato Hanley anche di essersi tenuto molti scatti di produzione che la ritrarebbero senza veli.

In seguito al contenzioso, sia il regista che parte del cast, si sono rifiutati di partecipare alla promozione del film, costringendo la produzione ad annullare l’esordio della pellicola, inizialmente previsto per il Toronto Film Festival del 2015.

Il gesto non è passato inosservato, tanto che Hanley ha deciso di denunciare a sua volta Amber Heard per aver violato i suoi obblighi contrattuali e per aver, a detta sua, creato tensioni sul set. La richiesta di danni si aggirava intorno ai 10 milioni di dollari.

Ora, a distanza di tre anni e nonostante la battaglia legale, London Fields è finalmente pronto ad uscire. Se la vicenda vi ha incuriosito, potrete trovare QUI l’esplicito trailer del film.

Che ne pensate, amici della Scimmia?

Fatecelo sapere nei commenti!

Continuate a seguirci su Lascimmiapensa.com!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here