Dumbo, le prime recensioni segnano il trionfo di Tim Burton

Le prime reazioni della stampa estera incoronano il live action di Dumbo il miglior film di Tim Burton da molti anni a questa parte

Arriverà nelle sale il prossimo 28 Marzo Dumbo, il nuovo atteso film di Tim Burton che si inserisce alla perfezione nell’offerta cinematografica della Disney di portare in sala i live action di molti classici del cinema d’animazione.

A differenza di pellicole come La Bella e la Bestia o  prossimi Aladdin o Il Re Leone, però, quello di Burton non è un live action che segue pedissequamente il montaggio e il racconto del Dumbo del 1941. Il regista di Edward mani di forbice, infatti, ha scelto di portare in sala una versione liberamente ispirata al predecessore. La più grande differenza rispetto al Dumbo originale è che Tim Burton ha scelto di dare molto peso anche alla visione degli esseri umani. Se il classico della Walt Disney offriva un racconto incentrato esclusivamente sul punto di vista del piccolo elefante, nella pellicola in uscita la visione si apre e diventa più inclusiva.

Leggi anche: 10 film da vedere se ami Timi Burton

La storia è quella di un ex star del circo di ritorno dalla guerra (Colin Farrell) che viene assunto nel circo Dreamland per prendersi cura di un cucciolo di elefante le cui orecchie immense lo hanno reso una sorta di fenomeno da baraccone. Quando però si rende conto che Dumbo sa volare al fianco di una bella trapezista (Eva Green), lo zimbello del circo diventa una star vera e propria. Ma man mano che i riflettori si accendono sulla pista, l’oscura realtà dei segreti di Dreamland viene a galla.

A distanza di tre anni da La casa dei ragazzi speciali di Mrs. Peregrine Tim Burton torna di nuovo al cinema con una storia che pone al proprio centro dei personaggi al limite del quadro, quei freaks che hanno caratterizzato tutto il cinema di Tim Burton, rendendolo immediatamente riconoscibile. Tuttavia nel corso degli ultimi anni l’ars cinematografica del cineasta di Burbank non ha mai del tutto convinto la critica, che lo ha sempre accusato di essersi in qualche modo imborghesito e di aver perso la propria verve narrativa in favore di una più comoda sottomissione agli standard di casa Disney.

Tuttavia le prime reazioni della stampa estera a Dumbo sembrano voler sovvertire questo status quo. Dopo la premiere di Los Angeles, infatti, sono stati molti i giornalisti che hanno usato twitter e i canali sociale per diramare le loro prime impressioni sul film e in molti hanno definito Dumbo come il miglior film di Tim Burton che si vedesse da anni. È quello che dice, ad esempio, Peter Sciretta, caporedattore di Slashfilm:

 

Chris Hayner di Gamespot è ancora più convinto da questo Dumbo, scrivendone:

Ho davvero amato Dumbo. È un film meraviglioso, con un elefante realizzato in CGI che è pieno di cuore. È anche un racconto molto semplice, quindi non aspettatevi chissà quale profondità dei personaggi. Ma la visione mi ha fatto impazzire, ed è il miglior Burton che si vede da anni. È diverso da ciò che mi aspettavo, perché non è un semplice remake live action.