Flea e il ricordo per Hillel Slovak

Red Hot Chili Peppers
Red Hot Chili Peppers

Il bassista dei Red Hot Chili Peppers, Flea, ha omaggiato in solitaria l’ex membro della band.

Flea si è recato personalmente alla tomba dell’oramai defunto membro originale dei Red Hot Chili Peppers, Hillel Slovak. Il chitarrista, uno dei membri fondatori della band, ha perso la vita nel 1988 a soli 26 anni. Slovak, dipendente da eroina, dopo essersi allontanato dalla band è morto morto di overdose lontano dalla famiglia e dagli amici. Per lo shock, Jack Irons, batterista storico dei Red Hot, ha lasciato la band.

Il resto poi è storia. Ciò che molti non sanno però è che è stato proprio Slovak a portare Flea a suonare il basso. Lo stesso musicista ricorda come questo gli ha cambiato la vita nel messaggio che ha condiviso insieme alla foto. Il chitarrista aveva avuto un ruolo centrale nello sviluppo e nell’ideazione del sound caratteristico della band, influenzando diversi musicisti che l’hanno seguito, e primo fra tutti John Frusciante.

La band si era riunita in ricordo di Slovak nel 2017, compreso Jack Irons, con una cover di ”Fire” di Jimi Hendrix. E’ stata l’ultima volta che tutti i membri originali del gruppo si sono trovati sullo stesso palco a suonare.

Non dimenticare di seguire la nostra pagina La Scimmia Sente, La Scimmia Fa!