Le migliori musiche nei videogame: Parte II

0
167
Videogame

Un’altra classifica dei migliori momenti in cui la musica e i videogame vanno a braccetto.

Fare una classifica dei 10 momenti migliori nei Videogame non è semplice. Ne avevamo già fatta una, e anche dopo questa, il numero di brani e musiche lasciate indietro è ancora grosso; Aspettatevi prossimamente un’altro paio di capitoli. Ormai siamo entrati a piedi pari nella cosidetta New Gen: I videogame ormai sono vere e proprie esperienze cineludiche, dove grandi compositori e attori rinomati vengono spesso chiamati a parteciparne alla realizzazione.

Non vengono tuttavia lasciate in disparte neppure le vecchie glorie, imperturbabili nel tempo e richiamate in auge e modernizzate, tramite un processo di miglioramento grafico noto come Remaster.

In questa classifica percorreremo i migliori momenti in cui la musica la fa da padrone nei Videogame. Non solo Main Themes, ma vere e proprie scene in cui la musica è un punto chiave emotivo dell’esperienza. Buona Lettura

ATTENZIONE: PERICOLO SPOILER!

10. Halo Main Theme

Chi ha giocato nei panni di Master Chief sa quanto la colonna sonora di questo gioco sia parte portante di esso. Una OST ben studiata che diventa subito cult dal momento in cui si avvia il gioco. Movimenti orchestrali che alternano tappeti di violini a ritmiche incalzanti accompagneranno il giocatore per tutta la lunghezza della storia. Epicità fotogramma dopo fotogramma, nota dopo nota. Chi ricorda la sezione della Biblioteca?

9. Wintermute (The Long Dark)

The Long Dark è un survival game in prima persona ambientato tra i ghiacci del Canada.
Con uno scarso equipaggiamento iniziale, dovremo farci strada tra foreste innevati e laghi ghiacciati, cercando di sopravvivere al freddo, alla fame e ai lupi.

La musica ricopre un ruolo profondamente emotivo in questo gioco; ce ne sarà poca infatti, per la maggior parte del tempo sentiremo solo il disarmante silenzio della natura invernale, alternato da brevi intermezzi musicali profondamente malinconici. Perchè il senso che vuol dare The Long Dark è quello di solitudine e rassegnazione, e ci riesce alla grande.
E diamine, basta giocarci 10 minuti per sentire davvero freddo. Dentro.
Un capolavoro.

8. Megaman 2 Main Theme

Ritorniamo per un attimo al 1988, quando la Nintendo sfornava un pietra miliare dopo l’altra. Quello fu l’anno di MegaMan 2, il migliore (e difficilisimo) tra gli innumerevoli capitoli della saga. La Main Theme del gioco è una di quelle musiche che ti accompagna per tutta la vita, capace di darti un sorriso con appena due note perchè sai che se la conosci, hai avuto un infanzia fantastica.

7. Sephiroth’s Theme – One Winged Angel (Final Fantasy 7)

Maledetto Sephiroth.
Da sempre, lo spadaccino dai capelli bianchi spacca a metà i fan: amatissimo dalle ragazze per il suo look da bello e stronzo, odiatissimo dai maschi per le sue azioni da stronzo completo (Aerith… sniff).

Oltre a un bel faccino, Sephiroth è anche un imbattibile spadaccino con poteri che si avvicinano quasi all’onnipotenza, e la sua Theme personale calza a pennello col personaggio. Una suite orchestrale potente e minacciosa, che non lascia scampo a nessuno.

6. Warped Theme (Crash Bandicoot 3)

Come dimenticare la saga del marsupiale targata Naughty Dog?

Dal 1996 il buon Crash ci insegna che per regalare emozioni (soprattutto bestemmie) non servono grandi compositori, trame impegnate e grafiche in HD. Basta un po’ di funky, due piattaforme e un salto sbagliato. Poi, se proprio non volete fare a meno della new gen, è uscita la remaster dei primi tre capitoli.

5. La morte di Dom (Gears of War 3)

La serie di Gears of War è una tra le più amate dai gamer, grazie alla sua trama ben delineata e all’ottima caratterizzazione dei personaggi. Tra questi, il personaggio di Dominic Santiago è uno dei più amati dai fan della saga. Durante il terzo capitolo assistiamo al suo eroico sacrificio; trovatisi accerchiati dalle Locuste e senza via di fuga, Dom decide di schiantarsi con un furgone blindato contro delle cisterne, causando un’esplosione che permette a Marcus e la sua squadra di fuggire.

Lo stacco netto tra la musica concitata della battaglia e Mad World, l’ultimo pensiero alla moglie Maria, lo sguardo incredulo della squadra dinnanzi all’esplosione. Gears of War sa dove colpire dove fa più male, e lo fa a tutta forza. Una scena potentissima.

4. Nemesis Theme (Resident Evil 3)

Un altro fattore importante nella scelta musicale dei videogame dev’essere il fattore adrenalina; Come da tradizione di ogni buon gioco horror, la musica che parte improvvisa è sempre segnale di pericolo. E nei vecchi giochi, quando le stanze erano belle strette e i tempi di reazione bassissimi, AVEVI PAURA.

Come dimenticare poi quando su Resident Evil 3 entravi in una stanza e ti trovavi davanti il Nemesis? Corridoi su corridoi, a sprecare munizioni e farsi mangiare dagli zombi, per poi trovarsi feriti e senza colpi contro un bestione di 2 metri, armato di bazooka, che ci corre incontro. Sono momenti che segnano.

3. Lo scontro finale tra Snake e Liquid (Metal Gear Solid 4)

Per i fan della saga di Metal Gear Solid, lo scontro finale tra Snake e Ocelot/Liquid è l’apice dell’ opera omnia di Hideo Kojima. Un brutale scontro a mani nude sulla cima di un sottomarino atomico, mentre tutto intorno infuria una guerra navale; Ogni cambio di personalità di Liquid è preceduto dalle musiche di ogni capitolo della saga (Encounter dal primo,Tanker Incident dal secondo, Snake Eater dal terzo, Old Snake dal quarto).

Per chi ha giocato a tutti i capitoli della saga, arrivare alla fine di questo scontro porta un contrasto di emozioni non indifferente. Il nemico è finalmente morto, ma è una vittoria amara: con esso muore gran parte del protagonista e le risposte a tante, troppe domande. Un inchino al maestro Kojima e al suo capolavoro.

2. L’intera colonna sonora di DOOM

Ve la facciamo brevissima: il primo Doom è il miglior gioco di sempre, il remake di Doom è il nuovo miglior gioco di sempre, e quando uscirà Doom: Eternal sarà nuovamente il miglior gioco di sempre.

Poca (se non assente) trama, nemici a oltranza e metal sparato. Una goduria! Scherzi a parte, l’OST del nuovo Doom è qualcosa di essenziale.

1. “Lo Giuro.” (The Last of Us)

The Last of Us è uno di quei giochi destinati a essere capolavori; Già mesi prima della sua effettiva uscita faceva incetta di premi e riconoscimenti, e alla sua pubblicazione ha letteralmente spazzato via la concorrenza. Ambientato vent’anni dopo lo scoppio di un’epidemia che ha quasi del tutto spazzato via l’umanità, il gioco segue la storia di Joel, un uomo ormai rassegnato e senza scrupoli, che ha il compito di portare Ellie, una ragazza immune alla malattia, in un laboratorio di ricerca per produrre una cura.

Essendosi affezionato alla ragazza, e avendo scoperto che produrre la cura la ucciderebbe, Joel scappa dal laboratorio con Ellie, mentendole su quanto accaduto realmente.

Nella scena finale del gioco, Ellie chiede a Joel di giurarle che tutto ciò che le ha raccontato corrisponde al vero. Joel esita per un momento, e in un’ultimo gesto d’amore egoista, condanna l’umanità all’estinzione mentendole nuovamente.

Lo Giuro“.
Mentre la chitarra di The Path comincia a suonare malinconicamente le prime note, lo sguardo di Ellie sembra essere consapevole della menzogna, e dopo un “Ok” sconsolato, lo schermo diventa nero e la musica entra a piena forza nei titoli di coda.
Un colpo al cuore.

Continuate a seguirci presso la nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here