Oscar 2018: ecco le reazioni dei nominati!

All'indomani dell'ufficializzazione delle candidature per i premi Oscar 2018, abbiamo raccolto alcune delle reazioni dei nominati.

0
1045
The Shape of Water di Guillermo del Toro è stato il film ad ottenere più nominations per gli Oscar 2018.

C’è chi ringrazia, chi piange, chi non ci crede.

Le nominations per gli Oscar 2018, come era prevedibile, si sono portate dietro una bella valanga di reazioni.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ELENCO COMPLETO DELLE NOMINATIONS!

Social Networks e Media ci raccontano comportamenti diversi che, probabilmente, sottintendono diversi caratteri ed ambizioni.

Fra i primi non possiamo che citare Guillermo del Toro.

Il suo film, The Shape of Water, guida la classifica essendosi fatto largo in ben 13 categorie. Il regista messicano ha voluto ringraziare l’Academy ed i colleghi per la grande gioia regalatagli:

CLICCA QUI PER LA NOSTRA RECENSIONE DEL FILM

Del Toro non si è limitato all’utilizzo dei social, ma ha rilasciato anche la seguente dichiarazione a Deadline:

“Che mattinata! Tredici è un bel numero, ed è accaduto al mio film migliore, quello che amo di più! E’ un bel club a cui appartenere.”

Non sono ovviamente mancate le lodi al suo team, indispensabile il raggiungimento di questo primo step verso gli Oscar:

“Il modo in cui proteggi le tue scommesse è circondandoti delle persone migliori. Nel caso di The Shape of Water la maggior parte dei nominati, se non tutti, lo sono per la prima volta. Queste sono persone con cui ho lavorato a lungo, per molti anni in certi casi. Ho scommesso sulle loro capacità e sul loro impegno.

Se arrivi da solo a questo punto, stai sbagliato qualcosa. Arrivare con forza significa arrivare col tuo cast e la tua troupe.Se il film funziona è perchè tutti hanno lavorato con dedizione ed impegno.”

In un’altra intervista rilasciata ad EW, del Toro ha elogiato l’Academy per non aver avuto paura di aprire le porte degli Oscar al cinema di genere, sperando che questo possa essere l’inizio di una svolta:

“Questo è l’anno in cui il cinema di genere prende il suo posto sul palco senza essere sostenuto da un bestseller o un classico letterario…

Guardo agli ultimi dieci anni e vedo cose come Babadook, Under the Shadow, Tigers are not afraid e Let the right one in. Questi sono film tematicamente ed artisticamente forti… Penso sia arrivato il momento di permettere al cinema di genere di far parte della conversazione.”

Sally Hawkins.

A ruota, hanno fatto seguito anche le dichiarazioni delle due attrici candidate per The Shape of Water. Ecco le parole di Sally Hawking, possibile Oscar come miglior attrice protagonista:

“Questa nomination è per tutti coloro che hanno messo il cuore in questo film. Sono qui grazie alla grandezza degli altri. Sto sulle spalle di veri giganti. Guillermo mi ha fatto un gran regalo con questo ruolo e questo film.

E’ un privilegio poter raccontare storie del genere, poter fare film che dimostrano che c’è una vita oltre la vita che le persone conoscono, anche se non sempre riescono a vedere. Essere presa in considerazione in questa categoria, accanto a queste donne eccezionali, è un grande onore e regalo. Grazie infinite, Academy!”

Octavia Spencer

Più concisa, ma non meno emozionata, Octavia Spencer, canditata come miglior attrice non protagonista:

“Il mio cuore scoppia di pura euforia per il cast e la troupe di The Shape of Water. Guillermo ci ha dato un lavoro da sogno ed è commuovente essere riconosciuti dall’Academy. Sto saltando di gioia da Park City per oguno dei nominati di stamani! Congratulazioni a tutti!”

Richard Jenkins

Si accoda anche Richard Jenkins, possibile Oscar come miglior attore non protagonista:

“Sono emozionato ed euforico per la nomination e per il leader di The Shape of Water, Guillermo il Grande. E’ raro poter far parte di qualcosa così speciale.”

Rimandendo in tema di genere, del Toro ha menzionato anche il collega Jordan Peele, elogiandolo per il lavoro svolto con Get Out.

Capace di collezionare di quattro nominations, Peele ha espresso tutto il suo stupore, non nascondendo di aver pianto alla notizia di essere in corsa per i premi Oscar:

L’autore, ovviamente, non si è fatto mancare i ringraziamenti di rito:

Daniel Kaluuya

Sobria la reazione di Daniel Kaluuya, suo protagonista e candidato come miglior attore:

“Non ha senso, niente ha più senso! Sto andando in giro stordito. Sono davvero fiero del team di Get Out. Che corsa, che esperienza, che anno, che squadra! Sono davvero fiero e felice per Re Peele. Grazie all’Academy per averci riconosciuto, wow! E’ folle! Non riesco neanche a capire, non ha senso. Onestamente non riesco ancora a crederci.”

Meryl Streep

Ovviamente entusiasta anche Maryl Streep che, grazie alla sua nomination per The Post, agguanta l’incredibile record di 21 candidature in carriera:

“Sono profondamente onorata per questa nomination, arrivata per un film che amo, che si erge in difesa della libertà di stampa e dell’inclusione delle voci delle donne nella storia.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here