The Exorcist – La recensione del film

0
309

È un giorno eccellente per un esorcismo”

Da dove proviene l’orrore? di certo non dagli abissi, e neppure dall’universo. Non resta nascosto nell’oscurità in eterno né ci viene incontro come una bestia feroce assetata di sangue. Se nulla ci spaventa più dell’idea che l’orrore possa improvvisamente abbattersi sulle nostre vite disintegrando l’illusione di trovarci in un mondo ideale, è perché sospettiamo da tempo che si nasconde proprio dove meno ce lo aspettiamo, nel posto che noi riteniamo più familiare. Pur essendo questo il tema centrale del capolavoro del cinema horror, nell’introduzione il regista William Friedkin ci trasporta in un paese molto lontano, l’Iraq. In questo paese ci viene introdotto il personaggio di Padre Merrin (Max von Sydow) un archeologo che scopre antichi manufatti seppelliti sotto terra, tra questi le teste mozzate di alcune statue e soprattutto un amuleto,  e che lo terrorizzano inspiegabilmente.

Da quel momento in poi il Male sembra seguire e impossessarsi di tutto ciò che circonda il prete, dove si susseguono le scene più impressionanti del film: gli sguardi vuoti e inespressivi della gente, i colpi di martello dei fabbri nei quali Merrin crede di sentire il cuore che batte incessantemente, un’orologio che improvvisamente si ferma, tutto ciò rende fisicamente percepibile il senso di minaccia fino al termine della sequenza dove il Padre si ritrova innanzi ad una statua del demonio ai cui piedi vediamo cani feroci sbranarsi l’uno contro l’altro. Ecco anticipato il senso dell’intera storia che secondo le parole del regista vuole essere:

“Una parabola del Cristianesimo, dell’eterna lotta tra il Bene e il Male”

L’azione si sposta, l’apertura in dissolvenza ci mostra il cartello col nome della città di Georgetown, una prospettiva aerea ci da un’illusoria impressione di ordine, secondo il regista “un mezzo per mettere lo spettatore su una falsa pista”. Padre Karras (Jason Miller), psicologo del seminario di Georgetown ammette di aver perso la fede, il Male aumenta la sua stretta. Così sullo schermo vediamo scorrere le immagini di una ragazzina dodicenne orribilmente sfigurata la cui innocenza viene predata e violata dal male, che urla oscenità e bestemmie con una voce strozzata e stridula, tanto da far venire la pelle d’oca, e infine i conati di vomito verdastro, mai prima di questo film un regista aveva tentato di spaventare e impressionare il pubblico con tanta determinazione. In effetti il desiderio irrefrenabile da parte del regista Friedkin di voler scioccare a tutti i costi impedisce di riconoscere l’elaborata trama di riferimenti, analogie e attriti inseriti da quest’ultimo.

Per capire appieno le ragioni della tragedia occorre osservare da vicino e notare l’arroganza dei medici, gli scatti d’ira di Chris MacNeil (Ellen Burstyn) e della figlia Regan (Linda Blair), l’alcolismo dell’amico Burke e il senso di colpa che assale Padre Karras per la morte della madre sono indicatori che rivelano le cause umane del dramma. Fa riflettere anche il fatto che il lavoro da psicologo all’interno di un seminario religioso renda dubbioso Karras sull’esistenza di Dio. O come il Padre che nella cappella trova la statua profanata, ma che una volta al suo interno non degna il minimo sguardo alla Madonna, segni di una perdita di fede. Con queste allusioni il regista differenzia i presupposti descritti all’inizio, l’inferno che si alimenta risiedendo nella normalità e in tutto ciò che è apparentemente familiare. Quindi infine possiamo dire che  The Exorcist non racconta solo di una lotta contro il diavolo, che il prete infine sconfigge attraverso il sacrificio, ma bensì di una lotta interna contro se stessi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTop 10 movies on Sexual Perversions
Prossimo articolo10 colpi di scena finali più belli nei film horror- Parte uno
Nato a Perugia nel 1992. Dopo la visione del film "il cacciatore" e l'esperienza vissuta con "2001 odissea nello spazio",mi sono scoperto innamorato del cinema e delle sue infinite componenti. Crescendo nel tempo quella per la pellicola è diventata una vera e propria passione, mirata soprattutto alla ricerca di quelle pellicole che rappresentano il cinema nella sua forma più pura, quella audiovisiva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here