Nicolas Winding-Refn lancia “byNWR”, la sua piattaforma di cinema online

Il famoso regista danese ha annunciato la nascita della sua piattaforma di cinema online byNWR, che conterrà saggi, film restaurati e tanto altro ancora

Nicolas Winding-Refn
Condividi l'articolo

Refn sbarca su internet

Nicolas Winding-Refn (Drive, Valhalla Rising, The Neon Demon) ha annunciato il lancio della sua nuova piattaforma di cinema online byNWR.com, che debutterà in rete entro febbraio 2018.

L’annuncio è stato fatto al Festival Lumière che si tiene ogni anno a Lione ed è dedicato alle novità riguardo il cinema classico e restaurato. In questo contesto, il regista danese ha spiegato le caratteristiche di questo nuovo affascinante progetto.

byNWR è una piattaforma i cui contenuti saranno selezionati da un gran numero di esperti del mondo del cinema, come se fosse un magazine culturale ed audiovisivo.

Tra i contenuti annunciati c’è anche un lungometraggio classico underground restaurato, oltre a numerosi saggi su cinema, musica, fotografia ed altri campi artistici.

La periodicità sara trimestrale e l’accesso completamente gratuito, poiché come ha riferito lo stesso Refn: “in futuro tutto l’intrattenimento sarà gratuito”.

I contenuti di byNWR

Il primo contenuto che apparirà a febbraio è stato commissionato da Jimmy McDonough, giornalista e biografo di Russ Mayer, con il quale il regista collaborò alla raccolta di poster di film The Art of Seeing, e approfondirà la storia dei film d’exploitation negli Stati Uniti degli anni’60.

LEGGI ANCHE:  I 14 film preferiti di Nicolas Winding Refn

Tra i film restaurati troveremo The Nest of the Cuckoo Birds (Nert Williams, 1965), Shanty Tramp (1967) di Joseph P. Mawra e il documentario sul regista texano sexploitation Dale Berry (Hot Blooded WomanHip Hot).

Il secondo contenuto di byNWR, invece, sarà editato dalla rivista britannica Little White Lies e parlerà dei classici dimenticati del cinema indie americano. In questo lavoro troveremo una versione restaurata di Night Tide (Curtis Harrington, 1963) con protagonista Dennis Hopper, e una proiezione di Spring Night, Summer Night (J.L. Anderson, 1967).

Sembra proprio che Refn cerchi un nuovo approccio per la divulgazione dell’arte cinematografica attraverso la ricerca storica, la saggistica e la riproposta di vecchi classici.

Questa è la base da cui qualunque cinefilo deve partire per poter apprezzare pienamente il vasto mondo della settima arte.

 

Credit: indiewire