Il “Nostradamus Vivente” avvisa: la prossima epidemia verrà da laboratori I.A.

Nostradamus
Credits: Athos Salomé / IG
Condividi l'articolo

Il “Nostradamus Vivente” ha una nuova profezia, e riguarda la natura dei virus delle prossime epidemie

Vi ricordate del cosiddetto “Nostradamus Vivente”, il veggente che aveva previsto che l’eclissi solare di qualche giorno fa sarebbe durata tre giorni? (Spoiler: non è successo). Ebbene ora Athos Salomé, questo il suo nome, torna alla carica con una nuova previsione che riguarderebbe le buone vecchie I.A. e, tanto per non farci mancare nulla, nuove epidemie.

La previsione: “Le future epidemie potrebbe non essere [più] fenomeni naturali ma piuttosto creazioni sintetiche di laboratori I.A.. Questa fusione tra biologia e tecnologia suggerisce uno scenario in cui virus artificiali potrebbero essere sviluppati, che sia per curare malattie esistenti o, paradossalmente, per creare nuovi disturbi”.

“L’elettricità è un medium tra gli umani e le I.A., ma i fini sono distinti: uno è il mantenimento e l’esperienza della vita biologica e l’altro è l’elaborazione dell’informazione e l’esecuzione di compiti programmati o manipolati”, conclude lo psichico 37enne brasiliano. Almeno, per fortuna, questa volta non fornisce date precise.

LEGGI ANCHE:  ChatGPT: Noplagio annuncia il primo tool italiano per identificare la scrittura del chatbot

Fonte: UNILAD

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa e sul nostro canale WhatsApp