Jurassic Park: il verso del T. Rex era in realtà quello di un koala [VIDEO]

koala
Condividi l'articolo

Tutto vero: per creare i versi del temibile T. Rex in Jurassic Park, Spielberg usò… un koala!

I koala sembrano animali dolcissimi da lontano. Sembrano. Ma provate ad avvicinarvi: ve lo consente il video qui sotto. Sì, non sono più così teneri una volta accorciate le distanze. Fattore notato probabilmente da Steven Spielberg e dagli addetti ai lavori per il rivoluzionario Jurassic Park.

Costoro necessitavano di un suono particolare per il verso della vera star del film: il temibile Tyrannosaurus Rex, che nella versione di Spielberg rimane fisso nell’immaginario collettivo come il dinosauro assassino e terrificante per eccellenza. Ebbene, come fare per rendere realistici i versi di questa creatura?

Va tenuto presente che nessuno può sapere (e tantomeno poteva saperlo nel 1993) quali versi fa un T. Rex, perché come tutta la sua specie s’è estinto da milioni di anni. Quindi Spielberg è andato a indovinare, sfruttando proprio i suoni gutturali del koala, campionandoli e modificandoli per ottenere l’effetto convincente che sentiamo nel film.

Anche se in Jurassic Park si fa largo impiego di CGI e tecnologia digitale, ed è anzi uno dei primi film a farne un uso estensivo, questa soluzione molto amatoriale svela il retroterra di qualcuno che è cresciuto ai tempi del cinema classico e sa darsi al fai da te. Possiamo immaginare che, cercando di creare un verso simile ex novo magari da computer, il risultato non sarebbe assolutamente stato lo stesso!

Fonte: Mental Floss

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa

LEGGI ANCHE:  Steven Spielberg, lettera d'amore al cinema: "L'arte ci rende una comunità"