Jurassic Park: 5 curiosità sul capolavoro di Steven Spielberg

Jurassic Park è una pietra miliare della cinematografia moderna. Tra bizzarri aneddoti e ripercussioni sociali, ecco alcune curiosità legate al film di Steven Spielberg.

Jurassic Park, film di Spielberg

Una piccola isola sperduta nell’Oceano Pacifico, un miliardario con l’eccentrica passione per i dinosauri, un gruppo di scienziati e un ambizioso progetto pronto a mostrare le sue fauci. Sarebbero sufficienti questi pochi dettagli per far tornare alla mente, una dopo l’altra, le meravigliose immagini di Jurassic Park: capolavoro cinematografico realizzato da Steven Spielberg nel 1993, e basato sull’omonimo romanzo di Michael Crichton.

Si tratta di un film che ha fatto la storia del cinema, su questo non c’è alcun dubbio. Un po’ per il suo incasso (da capogiro per l’epoca) di 920 milioni di dollari durante la prima distribuzione. Un po’ per i mirabolanti effetti speciali e l’utilizzo degli animatronics. E nonostante alcuni scivoloni narrativi, come il provvidenziale intervento del T-Rex a risolvere il finale (tipico caso di Deus Ex Machina), oppure l’errore recentemente ammesso dall’attore Joe Mazzello.

Leggi anche: Perché Jurassic Park è più verosimile dei sequel?

Detto ciò, di questa pellicola si potrebbe parlare per ore, poiché sono davvero tanti gli aneddoti legati alla storia e alla sua realizzazione. Vediamone alcuni insieme!

1. Quando il film diventa realtà

La produttrice Kathleen Kennedy racconta che, durante le riprese, spesso il T-Rex, o meglio il robot animato con le sue sembianze, aveva dei malfunzionamenti a causa della pioggia, e iniziava a muoversi senza preavviso. Vi lascio immaginare cosa accadde quando, per la prima volta, il dinosauro fece la sua comparsa durante la pausa pranzo della troupe.

T-Rex in Jurassic Park

2. Ripercussioni sociali

Jurassic Park non è stato solo un film, ma un vero e proprio catalizzatore d’attenzione. Basta pensare che negli anni a venire dopo la sua messa in onda, l’interesse verso i dinosauri è aumentato vertiginosamente e tantissimi ragazzi hanno deciso di iscriversi alla facoltà di Paleontologia, per diventare tutti come il protagonista Alan Grant.

Alan Grant in Jurassic Park

3. E il dinosauro come fa?

Se sul coccodrillo ci sono ancora molti dubbi, sul dinosauro i produttori di Jurassic Park sono stati chiari. Il verso del T-Rex consiste nella combinazione di quello del cane, pinguino, tigre ed elefante.

4. Un regalo particolare

Alla fine delle riprese, a tutti i membri del cast è stato consegnato un modellino raffigurante un Velociraptor, firmato da Steven Spielberg in persona. Un regalo terrificante che l’attrice Ariana Richards ha riposto all’entrata di casa sua, e che ancora tutt’oggi usa per spaventare chiunque osi entrare.

Velociraptor in Jurassic Park

5. Spielberg voleva Harrison Ford

Per il ruolo di protagonista, Steven Spielberg aveva inizialmente scelto Harrison Ford. Se non fosse che l’attore ha rifiutato la parte poiché sentiva il personaggio troppo lontano dalle sue corde. Chissà come sarebbe cambiato Jurassic Park se il dottor Alan Grant fosse stato interpretato dall’archeologo Indiana Jones.

Leggi anche: Il cast originale di Jurassic Park potrebbe tornare in Jurassic World 3

E tu, conosci altre curiosità su Jurassic Park? Lascia un commento e continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per nuovi approfondimenti.