28 giorni dopo, Cillian Murphy pronto per il sequel

Parlando al podcast Happy Sad Confused, Cillian Murphy ha aperto alla possibilità di recitare nel sequel di 28 giorni dopo

28 giorni dopo
Condividi l'articolo

28 giorni dopo, horror post apocalittico di Danny Boyle con Cillian Murphy del 2002, è uno dei film più apprezzati del suo genere. Ecco perchè qualche anno dopo, nel 2007, arrivò anche un sequel, 28 settimane dopo. Anche questo fu molto apprezzato. Tuttavia per 15 anni non si è sentito parlare di un eventuale terzo capitolo. Parlando al podcast Happy Sad Confused lo stesso attore irlandese impegnato nel tour stampa di Oppenheimer, si è detto disponibile a recitare in un nuovo film della saga.

Mi piacerebbe farlo. Deve esserci una sceneggiatura, e Danny ha bisogno di trovare il tempo, e Alex [Garland, lo sceneggiatore del primo film ndr] ha bisogno di sentire che c’è ancora una storia da raccontare.

E sembra che l’idea possa realizzarsi, perché in un’intervista con Inverse nel giugno di quest’anno, Boyle e Garland si sono lasciati sfuggire che si parlava “abbastanza seriamente” di un sequel ambientato 28 anni dopo il primo film.

LEGGI ANCHE:  Cillian Murphy, 28 giorni dopo è l'unico suo film che rivede

Alcuni anni fa, un’idea si è materializzata nella mia testa per quello che sarebbe stato davvero 28 anni dopo – ha detto Garland. A Danny è sempre piaciuta l’idea.

Lo stesso Boyle ha affermato che l’idea è qualcosa di cui si sta seriamente discutendo e che sarebbe pronto a dirigere se Garland, che è diventato un regista nei due decenni successivi al film originale, non fosse interessato.

Quindi, ne stiamo parlando abbastanza seriamente, abbastanza diligentemente – ha detto Boyle. Se non vuole dirigerlo lui stesso, sarò ben disposto a farlo se riusciremo a realizzare un’idea altrettanto buona

L’anno scorso, Garland ha parlato di 28 giorni dopo e del suo impatto, nonché della sua idea per un nuovo capitolo, descrivendolo come un film molto più grande dell’originale.

È passato tanto tempo e 28 giorni dopo, quando è arrivato [era] fresco, e non penso che lo sia più – ha sottolineato il regista. Penso che in realtà, parlando di generi, 28 giorni dopo si sia unito al filone dei film sugli zombi, quel genere . Ha fatto la sua parte, il che è fantastico. È stato bello farne parte, davvero.

Ho avuto un’idea davvero fantastica, ma è un film molto più grande, e una delle cose che ha reso unico 28 giorni dopo è che era piccolo e punk mentre questa idea è meno piccola e punk. Ma io e Danny ne parliamo. Ogni due anni viene fuori dicendo: “Vuoi farlo?” e poi per qualche ragione non succede mai.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  28 mesi dopo, c'è ancora speranza per il terzo film della saga

Seguiteci su LaScimmiaPensa