American Psycho,Youtuber prova la routine di Bateman [VIDEO]

Lo YouTuber Michael Hoover ha seguito la routine di Patrick Bateman in American Psycho per una settimana

Condividi l'articolo

American Psycho, film del 2000 diretto da Mary Harron, è una delle pellicole più amate di sempre ed ha avuto il merito di lanciare Christian Bale nell’Olimpo del cinema Hollywodiano. In una delle scene più iconiche assistiamo alla routine mattutina che il protagonista Patrick Bateman segue spiegando come sia uno dei segreti della sua bellezza. Per questo motivo lo YouTuber Michael Hoover ha deciso di seguire i suoi consigli per una settimana.

Come ha sottolineato Michael, tutto inizia con un lavoro sul proprio viso, cosa che coinvolge anche un’immersione della faccia in una gigantesca ciotola di acqua ghiacciata per “ridurre l’infiammazione e aiutare a sbarazzarsi dell’acne”. Nel film, Bateman usa un impacco di ghiaccio, quindi si considererebbe il metodo di Michael un leggero miglioramento. Poi arrivano 1.000 addominali. Segue una routine di stretching prima di fare la doccia e concedersi una routine di cura della pelle dall’aspetto incredibilmente costoso, anche se possiamo presumere che Michael non abbia usato esattamente gli stessi prodotti di Bateman in American Psycho. Dopo essersi impegnato in questa routine infernale per un’intera settimana, Michael afferma che la sua acne “era sparita” e nelle foto prima e dopo, la sua pelle appare visibilmente più chiara.

LEGGI ANCHE:  Christian Bale: "In American Psycho dicevano che ero un attore pessimo"

In una recente intervista con GQ, Christian Bale ha raccontato di come arrivò ad ottenere il ruolo del killer sociopatico Patrick Bateman solamente grazie al rifiuto di Leonardo DiCaprio e di come fu costretto ad accettare il minimo sindacale di salario per poter ricoprire quella parte.

Nessuno voleva che lo facessi tranne la regista – ha detto. Quindi hanno detto che mi avrebbero scelto solo se avessero potuto pagarmi il minimo sindacale. Mi stavo preparando mentre altre persone facevano il provino per la parte. Mi stavo ancora preparando. Ho perso la testa. Ma alla fine l’ho conquistato

Bale ha continuato rivelando di essere stato pagato “il minimo assoluto” per il lavoro e che i truccatori del film erano pagati più di lui. 

Mi pagarono il minimo assoluto previsto dalla legge. Vivevo in una casa con mio padre e mia sorella che stava per essere pignorata. Perciò la prima cosa che pensai dopo quell’esperienza fu: “Cavolo, devo fare un po’ di soldi”. Ricordo che una volta ero seduto nella roulotte del trucco e i truccatori ridevano di me perché venivo pagato meno di loro. Questa la mia motivazione diventò: “Devo averne abbastanza perché la casa non venga pignorata”.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Bret Easton Ellis: "I film direttamente in streaming? La morte del cinema"

Seguiteci su LaScimmmiaPensa