Elden Ring ha incusiorito Neil Druckmann: “Voglio imitarlo”

Neil Druckmann, co-presidente di Naughty Dog, ha rivelato di apprezzare motlissimo la narrativa di Elden Ring e di volerla imitare in futuro

elden ring, the last of us
Condividi l'articolo

Elden Ring è stato il mattatore del mondo videoludico nel 2022. Vincitore del Game of The Year agli ultimi Game Awards (qui i dettagli), l’ultimo titolo di di casa From Software ha conquistato tutti, anche chi non era troppo avvezzo al mondo dei cosiddetti “souls”. Tra i moltissimi ammiratori che il gioco ha ottnuto nel corso del tempo c’è anche Neil Druckmann, co-presidente di Naughty Dog, che parlando coò Washington Post ha voluto elogiare la narrativa di Hidetaka Miyazaki e soci.

Di recente sono stato incuriosito da giochi come Elden Ring e Inside che non si basano tanto sulla narrativa tradizionale per raccontare la loro storia – ha detto Druckmann. Alcuni dei migliori storytelling in The Last of Us sono nei filmati, ma molto è nel gameplay, e nel muoversi nello spazio, e comprendere la storia di uno spazio semplicemente guardandolo ed esaminandolo. Per me, in questo momento, questa è una delle migliori gioie che ottengo dai giochi che si fidano del loro pubblico per capire le cose. [Giochi] che non ti portano per mano. Queste sono le cose che davvero mi incuriosiscono per il futuro

Druckmann è in questo momento impegnato per promuovere la serie su The Last of Us che arriverà nelle televisioni di tutto il mondo il prossimo 16 gennaio (qui il primo trailer). L’autore ha recentemente anticipato che la violenza nello show sarà ridotto al minimo rispetto a uello che appare nel gioco.

LEGGI ANCHE:  Elden Ring: gamer ragequitta e spacca il controller in due [FOTO]

Nel gioco abbiamo bisogno di una certa quantità di azione, o violenza, da usare per le meccaniche di gameplay in modo che tu possa connetterti con Joel ed entrare nel flusso dell’azione – aveva detto a SFX. In quel modo ti senti davvero connesso con questo avatar sullo schermo e vedi il mondo attraverso i suoi occhi.

Ma questo non esiste in un medium passivo. Una delle cose che mi è piaciuto sentire da [il co-creatore Craig Mazin] e HBO molto presto è stata: “Eliminiamo tutta la violenza tranne l’essenziale”.  Ciò ha permesso alla violenza di avere un impatto ancora maggiore rispetto al gioco, perché quando continui a mostrare la minaccia e vedi la reazione delle persone a una minaccia, ciò rende tutto più spaventoso. E quando riveliamo gli infetti e i Clicker, scopri cosa ha abbattuto l’umanità e perché tutti sono così spaventati.

Che ne pensate di queste parole?

Seguiteci su LaScimmiaGioca