Better Call Saul, Seehorn: “Pensavo che Kim morisse”

Parlando con Empire, Rhea Seehorn ha rivelato di essere convinta che il suo personaggio sarebbe morto in Better Call Saul

better call saul
Condividi l'articolo

Qualche mese fa su Netflix si è conclusa Better Call Saul, amatissima serie prequel di Breaking Bad. Tra i motivi che hanno portato lo show a divenire uno dei più amati di sempre c’è sicuramente il lavoro svolto da Rhea Seehorn nei panni di Kim. Il personaggio è arrivato fino in fondo alla serie comparendo nella meravigliosa scena finale. Tuttavia l’attrice, parlando con Empire, ha rivelato di essere stata convinta per molto tempo che la brillante avvocatessa compagna di vita di Jim sarebbe morta prima della fine dello show.

Non ne avevo idea. Pensavo decisamente che [Kim] morisse. Ad un certo punto, ho iniziato ad avere trame che non erano solo accessorie a Jimmy [McGill], ed ero elettrizzata, ma onestamente non osavo sognare – ha detto la Seehorn aggiungendo che sfogliandoo le sceneggiature con la sua costar, Patrick Fabian era sorpresa di vedere che il suo personaggio non era morto. 

Era la miglior sceneggiatura, il miglior personaggio e le persone migliori – ha detto.

Sebbene non ci fossero piani per uccidere Kim, la Seehorn ha detto a  Entertainment Weekly all’inizio di quest’anno che hanno girato diverse versioni del finale di Better Call Saul. Nel finale definitivo, Saul finisce per confessare ulteriormente il suo coinvolgimento nell’impero di Walter White e ottiene una condanna di oltre 80 anni. Nella scena finale, Kim si mostra in prigione nei panni del suo avvocato e condividono un toccante momento finale. Dopo aver fumato insieme come hanno fatto nel primo episodio dello show, Kim se ne va e incontra Saul nel cortile. Lui le punta le dita contro le pistole, cosa che entrambi i personaggi avevano fatto in precedenza nella serie. 

Beh, abbiamo girato un paio di versioni diverse, comprese quelle in cui lei gli spara contro. Peter ha deciso che sembrava troppo dire: “Kim è tornata in gioco” e non volevamo davvero dare quell’impressione. Quel momento tra loro, per me, riguarda molto di più il riconoscimento del loro legame, che è ancora lì, e il parte della loro relazione che era vera – ha spiegato la Seehorn. 

È volutamente lasciato all’interpretazione – ha aggiunto. Sta solo dicendo: “Amico, abbiamo fatto una bella corsa”? O è lui che dice: “Stiamo ancora benissimo insieme. E potremmo ancora fare qualcosa insieme. Potremmo ancora legalmente fare qualcosa insieme”?. [Ride] Io l’ho interpretato come che lei dica: “Credo ancora che abbiamo una relazione”. In qualunque veste sia. Anche se le pistole sono rappresentative dell’inizio di questa orribile truffa con Hamlin, per me, in quel momento – perché lo fa in un modo molto diverso – mi è sembrato dire: “C’è ancora qualcosa fantastico tra noi. Non tutto ciò che eravamo insieme è stato negativo. C’è qualcosa di fantastico in noi due insieme”. E ho preso lo sguardo di lei verso lui come un riconoscimento che questa cosa è vera.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Guillermo Del Toro: "Vi spiego perché Better Call Saul è meglio di BrBa"

Seguiteci su LaScimmiaPensa