Bambi, in arrivo la versione horror del Cult Disney

Scott Jeffrey sta preparando la sua versione horror di Bambi, celeberrimo classico Disney del 1942

Bambi, live action
Condividi l'articolo

Una delle nuove tendenze del cinema indipendente di stampo horror è quello di creare rivisitazioni horror di celeberrimi film o cartoni animati per bambini. Qualche tempo fa vi avevamo parlato Winnie The Pooh: Blood and Honey, la versione splatter pensata da Rhys Frake-Waterfield dell’amatissimo orsetto giallo mangia-miele (qui il trailer) e oggi invece vi parliamo di Bambi o meglio, l’idea slasher dell’amato cerbiatto di casa Disney del 1942 che ha ideato il regista Scott Jeffrey.

Il cineasta ha rivelato a Dread Central che il suo progetto sarà sicuramente una versione interessante del racconto classico, dicendo:

Il film sarà una rivisitazione incredibilmente oscura della storia che tutti conosciamo e amiamo. Trovando ispirazione dal design utilizzato in The Ritual di Netflix , Bambi sarà una viziosa macchina di morte che si nasconde nel deserto.

In The Ritual, film ispirazione di questo Bambi, un gruppo di studenti si riunisce per fare un’escursione nelle montagne svedesi e rendere omaggio a uno di loro, morto in circostanze violente. Quando entrano nel bosco, una presenza minacciosa inizia a molestarli. Se pensate che questa cosa non abbia alcun modo di collegarsi col cerbiattino che tutti amiamo, beh, avete ragione. Ma tant’è.

LEGGI ANCHE:  Giudice sentenzia bracconiere a vedere Bambi una volta al mese

Vi ricoridamo che, sulla falsa riga di Winnie The Pooh: Blood and Honey, il regista Rhys Frake-Waterfield sta lavorando anche alla versione horror di Peter Pan prodotto proprio da Scott Jeffrey. Quest’ultimo, parlando con TMZ ha rivelato alcuni dettagli sul progetto, chiamato Neverland Nightmare.

 Peter Pan sarà molto divertente perché L’Isola che Non C’è sarà come un circo e il tutto sarà una specie di freak show. Daremo uno sguardo tormentato ad alcuni dei personaggi della storia come Campanellino, lei sarà lì.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa