Alec Baldwin, le indagini dell’FBI smentiscono l’attore

L'FBI ha smentito le parole di Alec Baldwin spiegando che la pistola usata sul set non poteva sparare senza che fosse premuto il grilletto

alec baldwin
Condividi l'articolo

Sono passati ormai diversi mesi da quando, lo scorso 21 ottobre, sul set del film Rust, Alec Baldwin ha sparato per sbaglio dei colpi veri da una pistola di scena uccidendo al direttrice della fotografia Halyna Hutchins. La difesa dell’attore era sempre stata strenua e basata sul fatto di non aver mai premuto il grilletto.

Non ho premuto il grilletto – aveva detto l’attore in un’intervista con ABC News lo scorso dicembre. Non punterei mai una pistola contro nessuno premendo il grilletto. Mai. Qualcuno ha messo un proiettile vero in una pistola, un proiettile che non doveva nemmeno trovarsi nella proprietà.

Tuttavia le indagini portate avanti dall’FBI in questi mesi hanno smentito le parole di Alec Baldwin. Eseguendo infatti un test di scarica accidentale, gli investigatori hanno stabilito che il revolver F.lli Pietta calibro .45 Colt usata in quel frangente “non poteva essere fatta sparare senza premere il grilletto”.

Nel frattempo la famiglia della Hutchins, la cui morte è stata classificata come incidente, ha fatto causa all’attore.

LEGGI ANCHE:  Alec Baldwin: famiglia di Hutchins gli fa causa per omicidio colposo [Video]

Ci sono molte persone colpevoli, ma il signor Baldwin era la persona che impugnava l’arma. Se non avesse sparato, non sarebbe morta – aveva detto l’avvocato della famiglia Hutchins, Brian Panish in una conferenza stampa a Los Angeles a febbraio. Baldwin ha una parte significativa della responsabilità. Ma ce ne sono altre, ed è di questo che si tratterà questo caso: valutare l’equa ripartizione a chiunque sia responsabile dell’insensata tragedia

Randi McGinn, un avvocato di Albuquerque che rappresenta anch’ella la famiglia Hutchins, si era detta fiduciosa in quel caso che una giuria del New Mexico sarà in grado di comprendere la complessità del caso, che potrebbe essere processato entro due anni.

Siamo abituati alle persone che vengono da fuori città per interpretare i cowboy che non sanno usare le pistole – aveva detto McGinn. La giuria di Santa Fe è abituata a questo e sa che anche in un ranch, non si passa una pistola a qualcuno fino a quando non gli si è impartito un addestramento sulla sicurezza. Nessuno dovrebbe mai morire con una vera pistola su un set fittizio

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Caso Baldwin, Cage voleva far licenziare l'armaiola di Rust dal suo film