Christina Ricci: “Depp mi ha spiegato l’omosessualità a 9 anni”

Ospite del Andy Cohen Live di SiriusXM, Christina Ricci ha raccontato di quando Johnny Depp le spiegò il concetto di omosessualità

christina ricci, johnny depp
Condividi l'articolo

Christina Ricci ha debuttato nel mondo del cinema a 9 anni in Sirene, film di Richard Benjamin con Cher e Winona Ryder. In quell’occasione, l’attrice volto di Mercoledì nella saga de La Famiglia Addams ha fatto per la prima volta la conoscenza del concetto di omosessualità. Si trattava ovviamente di qualcosa di molto complesso per una bambina di quell’età. Tuttavia in suo soccorso arrivò niente meno che Johnny Depp che in quel momento era fidanzato con la Ryder.

Johnny è la persona che mi ha spiegato cos’era l’omosessualità quando avevo 9 anni – ha detto l’attrice all’Andy Cohen Live di SiriusXM. Stava succedendo qualcosa sul set e qualcuno non era gentile con qualcun altro. E alcuni dicevano: “Oh, beh, potrebbe essere omofobo”. E io ho pensato: “Beh, non capisco cosa sia”. Quindi vado nella roulotte di Winona [Ryder] e lei mi dice: “Non so come…” così mi ha messo al telefono con Johnny. E Johnny me l’ha spiegato in modo molto pratico. Mi ha detto semplicemente: “È quando un uomo vuole fare sesso con un uomo. E quando una donna vuole fare sesso con una donna” e io ero tipo: “Ah va bene”

Ritroveremo Christina Ricci in Mercoledì, una nuova serie Netflix firmata Tim Burton, ambientata nell’universo della famiglia Addams (qui il primo teaser). Nello show, nel quale l’attrice avrà ovviamente un ruolo diverso rispetto a quello avuto nei film degli anni ’90, la protagonista sarà Jenna Ortega nei panni della primogenita di casa Addams. I suoi bizzarri genitori saranno invece Luis Guzman e Catherine Zeta-Jones.

LEGGI ANCHE:  Alcol e pugni sul set, Johnny Depp denunciato

Questo show Netflix si ambienterà in un periodo successivo a quello nel quale siamo stati abituati vedere Mercoledì. La serie infatti, composta da 8 episodi, racconterà le avventure della giovane Addams come studentessa alla Nevermore Academy. Li dovrà fare i conti con le sue capacità psichiche, con una follia omicida che sta terrorizzando la città e con un mistero che ha coinvolto al sua famiglia 25 anni prima.

Che ne pensate di questo racconto?