Brian e Charles. Dopo After Life, David Earl torna al cinema con una commedia brillante [RECENSIONE]

Dal 31 Agosto al cinema Brian e Charkes, la nuova irresistibile comedy scritta e interpretata da David Earl, star di After LIfe. La nostra recensione in anteprima.

Brian e Charles
Condividi l'articolo

Il film da non perdere questo 31 Agosto al cinema è Brian e Charles: surreale comedy scritta e interpretata da David Earl, celebre stand-up comedian inglese che tutti conosciamo come Brian di After Life. Ed è proprio il personaggio di Brian Gittins il protagonista di questa nuova, stramba avventura, al fianco dell’improbabile robot di sua stessa invenzione.

Anche in questa nuova versione gallese Brian Gittins, il personaggio ideato da David Earl già nei primi anni 2000, per qualcuno è “lo scemo del villaggio”. Per altri, un sognatore radicale e un irrimediabile ottimista. E proprio grazie all’ostinazione, l’immaginazione e la fantasia, questo inventore ormai avvezzo al fallimento troverà invece il suo primo, clamoroso successo.

Brian e Charles: La trama

In una notte buia e tempestosa Brian Gittins (David Earl) vede incredibilmente la sua creazione, la sua creatura prendere vita. Brian vive solo nel suo cottage in un piccolo paesino del Galles, isolato perfino per gli standard di quel piccolo centro abitato. Pensa così di costruire un robot, un amico che possa giocare con lui a freccette, fare quattro chiacchiere, guardare un po’ di Tv.

Il robot ha un vecchio frigorifero al posto della pancia, altri pezzi sparsi che si presentano in effetti come rottami assemblati a casaccio. E inizialmente, l’androide ovviamente non sembra funzionare. Ma senza che Brian abbia la minima idea del perché, nella notte la sua creatura inizia a muoversi e a parlare.

Il nome che lo stesso robot sceglie per sé stesso sarà Charles Petrescu. Nei primi giorni Charles sembra entusiasta di studiare il dizionario e imparare a parlare, giocare con Brian dalla mattina alla sera.

Ma basta poco tempo perché il robot sembri passare improvvisamente dall’infanzia all’adolescenza, età in cui si ribella contro il suo creatore e reclama una sua volontà e una sua indipendenza.

LEGGI ANCHE:  After Life: la struggente serie di Ricky Gervais

Brian e Charles: Recensione in anteprima

Brian Gittins è uno dei personaggi che accompagna David Earl, uno dei volti più amati della stand-up comedy inglese, ormai da parecchi anni. Nelle sue molto variazioni Brian ha conosciuto il palcoscenico, l’improvvisazione, gli improperi del pubblico, ma anche il successo internazionale grazie alla serie After Life di Ricky Gervais.

Prima di qualunque recensione, vi invitiamo allora a scoprire la nostra intervista con il grande David Earl e il giovane regista Jim Archer. David Earl, sceneggiatore e protagonista del film, e il regista che aveva già girato il primo cortometraggio dal titolo Brian e Charles, hanno infatti esplorato con noi tutti i temi e i generi attraversati in questa comedy totalmente fuori dal comune.

Il fascino di questo piccolo film così diverso dagli altri è forse nell’estrema umanità delle maschere comiche, persone sole, profondamente emarginate, che proprio grazie all’ingresso in scena di questo improbabile robot troveranno il coraggio di uscire dal guscio, reagire ai bulli che li tormentano, riscoprire la gioia della vita e dell’amore.

La struttura della comedy viene attraversata così da un’onda anomala di romanticismo. Eppure, come ha sottolineato lo stesso David Earl, non si tratta comunque di una romcom da di una dadcom. Neologismo di sua stessa creazione che allude alla fondamentale importanza del rapporto padre-figlio che lega Brian e il robot Charles.

Brian e Charles: Un mockumentary pieno di risate e sentimento

Anzitutto, il linguaggio scelto da David Earl e Jim Archer è quello del mockumentary, ovvero il “falso documentario”. Per intenderci, lo stesso linguaggio audiovisivo che ha fatto la fortuna di serie come The Office oppure un film come What we do in the shadows di Taika Waititi.

LEGGI ANCHE:  After Life, Ricky Gervais ringrazia i fan per il supporto [FOTO]

La struttura d’elezione di David Earl come comico è infatti quella del video-diario e del vlog. La forte sensazione di vita reale, vita vissuta rende le emozioni sempre più forti e autentiche.

Brian Gittins sarà pure un weirdo, un outcast, ma qui è il protagonista assoluto della sua storia. E quando vediamo il suo sorriso in primo piano, si legge la gioia di chi finalmente si sente importante.

Da spettatori, non potremo non amare istantaneamente quest’uomo tanto buffo, simpatico e solo. Odiare la famigliola dei bulli di paese, pronti sistematicamente a deriderlo, intimidirlo, derubarlo. Tifare per la sua storia d’amore con Hazel (Louise Brealey), una donna altrettanto sola, che forse aspettava semplicemente un invito.

E su tutto, non potremo non amare l’erudito, imprevedibile, ribelle Charles Petrescu, robot che ha la statura di un gigante, il volto di un anziano signore, eppure possiede l’anima di un adolescente, fermamente intenzionato ad evadere dal recinto e dall’orto di casa per scoprire il mondo, oltre i confini del paese e perfino del Galles, sognando di vedere finalmente le Hawaii e Honolulu.

C’è forse un po’ di Frankestein Jr. in questa storia. Un po’ di humour surreale, smaccatamente inglese, ma soprattutto una forte sensazione di verità, oltre i sorrisi e le risate. Perché Brian e Charles è soprattutto la celebrazione della stranezza, la poesia estrema degli emarginati, pronti a difendere strenuamente, ostinatamente i loro sogni, compresi quelli tecnicamente folli.

Il film vi aspetta al cinema questo 31 Agosto. Non ve lo perdete.

Brian e Charles: Il cast

David Earl: Brian Gittins

Chris Hayward: Charles Petrescu

Louise Brealey: Hazel

Jamie Michie: Eddie

Brian e Charles: Trailer ufficiale italiano

RECENSIONE
Brian e Charles
"this is a mirror you are a written sentence" Giornalista-pubblicista e #Cinemalover, specializzata in Filmologia e Storia del Cinema.
brian-e-charles-recensione-film Il film da non perdere questo 31 Agosto al cinema è Brian e Charles: surreale comedy scritta e interpretata da David Earl, celebre stand-up comedian inglese che tutti conosciamo come Brian di After Life. Ed è proprio il personaggio di Brian Gittins il protagonista...