Arctic Monkeys, Matt Helders sul nuovo disco: “Non sarà mai più come le nostre vecchie cose”

Arctic
Condividi l'articolo

I fan storici degli Arctic Monkeys possono definitivamente dire addio a I Bet You Look Good on the Dancefloor e R U Mine?

Già lo si sapeva, ma ora c’è la conferma ufficiale: il nuovo album degli Arctic Monkeys sarà un seguito diretto dell’amato/odiato (ma più odiato) Tranquility Base Hotel + Casino. L’ultimo disco della band, uscito nel 2018 dopo cinque anni di attesa, ha alienato gran parte della fanbase dello storico gruppo inglese.

E i motivi li conosciamo: musiche raffinate, ricercate e complesse, dai motivi jazz, glam e soft rock che troverebbero in effetti molto più posto in un lavoro di The Last Shadow Puppets, il side-project di Alex Turner con Miles Kane. Ma gli Arctic Monkeys hanno deciso la loro strada, e l’hanno decisa già da tempo.

In effetti a ben guardare la loro discografia è sempre stata un’evoluzione continua, cosa che di fatto li ha resi uno dei gruppi rock più interessanti degli ultimi vent’anni. Ma di certo molti fan rimpiangono i tempi dei primi album, molto punk e garage. E non saranno contenti di sentire le parole del batterista Matt Helders sul nuovo disco.

LEGGI ANCHE:  Arctic Monkeys - Recensione Tranquility Base Hotel + Casino

“Riprende da dove musicalmente Tranquility Base + Casino aveva lasciato. Voglio dire, non sarà mai più come R U Mine? e tutta quella roba di nuovo, sai, riff pesanti eccetera. Ma [sì], ci sono riff e [il disco] è un po’ più uptempo, anche se non è rumoroso; è difficile da spiegare!” La speranza comunque è che questo nuovo lavoro, “rumoroso” o meno, esca già nel 2022.

Fonte: Far Out Magazine

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.