Sean Penn e la fuga dall’Ucraina: “Mi hanno detto di levarmi dal c*zzo”

Il noto attore, Premio Oscar per Mystic River e Milk, è tornato a parlare della sua esperienza nel paese assediato.

Mystic River; Sean Penn; Clint Eastwood
Sean Penn in Mystic RIver
Condividi l'articolo

Sean Penn, noto attore, regista e produttore cinematografico americano è sicuramente uno dei volti più noti di Hollywood, un’artista a tutto tondo capace veramente di fare la differenza sia come interprete (nella sua carriera ha vinto ben due Premi Oscar per la sua interpretazione in Mystic River e Milk), ma anche come film-maker, regalando al pubblico grandi film come Into the Wild – Nelle terre selvagge (2007).

Recentemente l’artista si è trovato coinvolto direttamente nel conflitto russo-ucraino, visto che stava girando un documentario lì ancora prima della guerra, precisamente a novembre 2021. Detto questo, Sean Penn ha deciso di lasciare il paese solamente quando era rischio la sua incolumità, anche se aveva paventato l’idea di imbracciare le armi e continuare a girare. Fino ad ora sapevamo che quindi il regista aveva lasciato il paese perché costretto, ma non conoscevamo altri retroscena in merito.

Sean Penn; La sottile linea rossa; Terrence Malick

Come riportato da IndieWire (che ha ripreso un’intervista che Sean ha tenuto per Fox News), l’attore ha raccontato che, mentre era in Ucraina, un ex-consigliere della sicurezza nazionale, Robert O’Brien, lo ha invitato, senza mezzi termini, a lasciare il paese, “a mandarmi via dal ca**o” secondo le parole di Penn stesso. È anche interessante notare come il film-maker era già stato avvertito, in misura preventiva, di non andare proprio in Ucraina a girare, ancora prima dell’invasione. Ed ha poi aggiunto:

LEGGI ANCHE:  Il professore e il pazzo: la recensione del film con Sean Penn e Mel Gibson

“Il nostro governo è estremamente abile con la cautela. Diplomatici americani erano stati ritirati e altri ufficiali del servizio estero erano stati ritirati da Kiev.”

Insomma, qui gatta ci cova, ma è probabile che il governo americano aveva già capito qualche movimento sospetto nello stato, sennò non avrebbe parlato in modo così preciso e a colpo sicuro. Onestamente non vediamo l’ora di scoprire cosa ha diretto Sean Penn nel paese, anche se purtroppo parziale a causa del suo ritorno in patria.