Will Smith, un membro dell’Academy incalza: “Punizione non sufficiente!”

Secondo l'attore Harry Lennix essere bandito per 10 anni dall'Academy non è abbastanza.

Will
Condividi l'articolo

Will Smith oramai continua ad essere sulla bocca di tutti, dall’infausto giorno in cui ha schiaffeggiato, durante la serata degli Oscar 2022, Chris Rock per aver insultato la moglie Jada Pinkett Smith. Inizialmente divertito, il divo, guardando l’espressione della consorte, si è lanciato sul palco, schiaffeggiando senza rimorso il comico che è rimasto di stucco al gesto del collega.

I giorni seguenti, diversi personaggi del mondo dello spettacolo (e anche i suoi figli) si sono schierati, condannando o supportando l’operato dell’artista, che ha vinto il premio come Miglior attore protagonista per la sua interpretazione in Una famiglia vincente – King Richard.

Will smith

Finito ovviamente sul patibolo, Will Smith, qualche giorno fa, percependo che di lì a poco l’Academy avrebbe preso provvedimenti per il suo gesto, ha deciso di uscire dall’organizzazione, anche se quest’ultima, per sciogliere ogni dubbio, lo ha bandito per 10 anni dalla cerimonia degli Oscar e da tutti gli eventi associati. Ciò non significa che il divo non potrà concorrere alla kermesse o essere nominato, ma che non potrà essere presente virtualmente o in fisicamente in cerimonie ufficiali.

LEGGI ANCHE:  Le 20 migliori sigle di serie tv

Una scelta che, a detta di un membro dell’Academy, non è sufficiente come punizione. Come riportato da Variety, infatti, l’attore Harry Lennix (Matrix Reloaded, Across the Universe) ha spiegato, senza mezzi termini, che il provvedimento è “una sanzione sdentata che mette a nudo la superficialità della morale di Hollywood” e che “è una sorta di lunga pausa per un bullo dal parco giochi”.

Oltre a ciò, Lennix ha incalzato affermando che l’unico modo che Will Smith ha di riscattarsi è riconsegnando il premio Oscar, facendo i conti con la gravità dell’offesa che ha commesso di fronte a milioni di persone. Insomma, una posizione molto marcata che in effetti mette alla luce una decisione che secondo alcuni non è proprio lucidissima e che nasconde dell’ipocrisia dietro.