Neil Young toglie la sua musica da Spotify: “Joe Rogan diffonde falsità sui vaccini”

Neil
Credits: AXS TV / YouTube; PowerfulJRE / YouTube
Condividi l'articolo

Il controverso podcast di Joe Rogan è uno dei più seguiti su Spotify. E Neil Young lancia l’ultimatum: “Possono avere Rogan o Young. Non entrambi”

Forte la presa di posizione di Neil Young contro Joe Rogan e Spotify, la piattaforma che ospita il seguitissimo podcast del presentatore, The Joe Rogan Experience. Rogan ha firmato un contratto di 100 milioni di dollari con il servizio di streaming musicale per continuare a tenere il suo podcast in esclusiva proprio su Spotify. Ma Neil Young non ci sta.

Lo storico cantautore chiede ora che la sua musica venga rimossa dalla piattaforma in segno di protesta contro le posizioni no-vax e complottiste di Rogan. “Sto attivamente cancellando tutta la mia musica disponibile su Spotify, il prima possibile. Lo faccio perché Spotify diffonde false informazioni sui vaccini, causando potenzialmente la morte di quelli che ci credono“.

“Possono avere Rogan o Young. Non entrambi“, conclude il cantautore. Al momento la sua discografia è ancora disponibile sulla piattaforma ma il caso non fa altro che rinfocolare una polemica già accesa da mesi. Già dura è stata la reazione della comunità scientifica ad un recente episodio del podcast, nel quale Rogan ha ospitato il virologo, immunologo e complottista Robert Malone.

LEGGI ANCHE:  Abituato: il primo singolo dei SAB arriva su Spotify

In una lettera firmata da 270 membri della comunità scientifica, le azioni di Rogan vengono definite: “Non solo opinabili ed offensive, ma anche pericolose a livello medico e culturale. Consente la propagazione di asserzioni false e socialmente dannose”. Al momento Spotify non ha ancora preso provvedimenti o commentato, ma è difficile che stavolta non ci siano conseguenze.

Fonte: NME