John Malkovich respinto da un hotel a Venezia aveva il green pass scaduto

A John Malkovich è stato negato l'ingresso all'hotel Danieli di Venezia in quanto il suo Green Pass è risultato scaduto

Condividi l'articolo

John Malkovich, celeberrimo attore e regista americano, si trova in questo momento a Venezia per le riprese di Ripley, serie TV ispirata ai romanzi di Patricia Highsmith e remake del celebre Il talento di Mr. Ripley, film del 1999 di Anthony Minghella. Il grande artista avrebbe dovuto alloggiare nella suite extralusso dell’Hotel Danieli, in struttura affacciata sul Bacino di San Marco. Tuttavia non ha potuto entrare nella struttura dopo che gli addetti ai lavori si sono resi conto che il suo Green Pass era scaduto.

La produzione ha dovuto dunque cercare all’ultimo momento una soluzione alternativa per il soggiorno di Malkovich che è stato dunque ospitato in una residenza privata. 

Da quando le riprese della serie sono iniziate, l’intera troupe è seguita ed assistita dal punto di vista sanitario da una struttura mobile privata nei pressi della Pietà, a due passi da Piazza San Marco. Questa provvede a effettuare i tamponi molecolari ogni due giorni agli attori e a tutti gli addetti alle riprese.

LEGGI ANCHE:  John Malkovich non voleva essere il soggetto di "Essere John Malkovich"

Non possiamo né confermare né smentire notizie sui nostri ospiti o sulle loro prenotazioni — ha detto il direttore dell’hotel Gianrico Esposito — Quello che possiamo dire è che la nostra reception rispetta tutte le leggi vigenti, quindi, al momento del check-in controlliamo al validità del Super green pass di tutti gli ospiti prenotati. Se la certificazione non è in regola, non possiamo dar seguito alla prenotazione

Nel cast di Ripley, oltre a John Malkovich anche Dakota Fanning, Johnny Flinn ed Andrew Scott che ha preso il posto di Matt Damon, protagonista del film originale che avrebbe dovuto tornare per questo progetto seriale. I lavori, diretti dal regista Steven Zaillian, dovrebbero proseguire per circa un mese in quel di Venezia. Tuttavia il gran numero di positi al Covid potrebbe rallentare i lavori. Non la vedremo comunque sugli schermi prima del 2023.

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.