James Bond, la produttrice: “Ecco come sarà il nuovo interprete”

La produttrice Barbara Broccoli ha parlato de futuro James Bond chiarendo alcuni punti fondamentali del prossimo interprete

James Bond 007 no time to die
Condividi l'articolo

Dopo l’addio di Daniel Craig al ruolo di James Bond, sancito con l’ultimo film No Time to Die, la caccia al prossimo interprete della spia più famosa del mondo è ufficialmente iniziata. Sono moltissime le voci che circolano attorno a questa oramai leggendaria figura cinematografica. Intervistata da The Hollywood Reporter, la produttrice e proprietaria dei diritti Barbara Broccoli ha dato alcuni riferimenti per capire come sarà il futuro del franchise in tal senso.

Penso che sarà un uomo perché non credo che una donna dovrebbe interpretare James Bond. Credo nella creazione di personaggi per le donne e non nel fatto che le donne interpretino semplicemente ruoli maschili. Non credo che ci siano abbastanza ruoli fantastici per le donne, ed è molto importante per me che facciamo film per donne sulle donne. Dovrebbe essere britannico, quindi il britannico può essere di qualsiasi etnia.

Lo stesso Daniel Craig qualche mese fa aveva espresso un pensiero estremamente simile.

LEGGI ANCHE:  Bond 25, le condizioni di Rami Malek per interpretare il villain

 Ci dovrebbero semplicemente essere parti migliori per le donne e per gli attori di colore – aveva detto l’attore a Radio Times. Perché una donna dovrebbe interpretare James Bond quando dovrebbe esserci una parte altrettanto buona per lei?

Parlando del regista dell’ultimo film, Cary Fukunaga, la Broccoli ha detto sempre nella stessa intervista:

Amiamo Cary. Ha fatto un lavoro eccezionale. Non ho idea se ne farebbe un altro. Penso che l’abbia fatto perché voleva una sfida, e sicuramente ce l’ha fatta. Ma non sono sicuro che ne farebbe un altro. A noi piacerebbe lavorare di nuovo con lui

Parlando della propria esperienza, il regista ha detto:

Non avevo mai lavorato con produttori così coinvolti in modo creativo. Sapevo anche che questa era la loro creatura. Quindi ci sono entrato con la prospettiva di voler fare la mia parte per cercare di renderlo un buon film.  

Che ne pensate?

Avatar di Matteo Furina
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.