Will Smith: “Volevo uccidere mio padre perchè aveva picchiato mia madre”

Nel suo libro di memorie, Will Smith racconta di aver avuto, per un breve momento, l'intenzione di uccidere suo madre e vendicare sua madre

will smith, sette anime
Condividi l'articolo

Will Smith sta per pubblicare il suo libro di memorie titolato Will. La rivista People è riuscito a leggerne in anteprima un estratto davvero interessante nel quale la star di Men in Black racconta di aver voluto uccidere suo padre dopo che l’uomo aveva colpito così forte sua madre Caroline da farla collassare.

Quel momento in quella camera da letto, probabilmente più di ogni altro momento della mia vita, ha definito chi sono – ha scritto Smith nel suo libro. All’interno di tutto ciò che ho fatto da allora, i premi e i riconoscimenti, i riflettori e l’attenzione, i personaggi e le risate, c’è stata una sottile serie di scuse a mia madre per la mia inerzia quel giorno. Per averla delusa in questo momento. Per non aver tenuto testa a mio padre. Per essere stato un codardo.

Ha poi spiegato come più tardi nella sua vita c’è stato un momento in cui ha sinceramente pensato di uccidere suo padre e farlo sembrare un incidente. In quel momento, Will Smith Sr stava combattendo contro il cancro ed era costretto su una sedia a rotelle e suo figlio ha pensato di utilizzare questa cosa a suo vantaggio.

LEGGI ANCHE:  Gemini Man, la recensione di una mancata rivoluzione visiva

Una notte, mentre lo spingevo delicatamente dalla sua camera da letto verso il bagno, è sorta un’oscurità dentro di me. Da bambino mi ero sempre detto che un giorno avrei vendicato mia madre. Che quando sarei stato grande abbastanza, quando sarei stato abbastanza forte, quando non sarei stato più un codardo, l’avrei ucciso. Mi sono fermato in cima alle scale. Potevo spingerlo giù e farla franca facilmente.

Sono Will Smith. Nessuno crederebbe mai che ho ucciso mio padre di proposito. Sono uno dei migliori attori del mondo. La mia chiamata al 911 sarebbe stata di livello Oscar. C’erano decenni di dolore, rabbia e risentimento che scorrevano attraverso il mio corpo in quel momento, ma sono tornato rapidamente in me. Ho scosso la testa e ho l’ho portato in bagno. Grazie a Dio siamo giudicati dalle nostre azioni, non dalle nostre esplosioni interiori guidate dal trauma.

Un lato oscuro insospettabile di Wil Smith.

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.