Sylvester Stallone stabilisce un record con Suicide Squad e ringrazia Gunn

Sylvester Stallone ha stabilito un incredibile record grazie alla sua performance in The Suicide Squa e ha ringraziato James Gunnper questo

sylvester stallone, the suicide squad
Condividi l'articolo

The Suicide Squad (qui la nostra recensione), ultimo film DC appena approdotato al cinema e diretto da James Gunn, sta ottenendo riscontri ottimi sia dalla critica che dai fan. Su Rotten Tomatoe’s  infatti il film in questo momento si presenta con un punteggio positivo del 91% da parte della critica e dell’83% da parte del pubblico. Inoltre sta avendo un enorme successo anche al botteghino essendo arrivato anche in testa al box office nei primi giorni dall’uscita. Questo ha permesso a Sylvester Stallone, che nel film interpreta King Shark, di stabilire un incredibile record.

L’attore ha infatti preso parte ad un film arrivato in cima al botteghino per sei decadi consecutive. In questo periodo, il celeberrimo volto di Rocky e Rambo ha lavorato in 46 pellicole, 20 delle quali arrivate in vetta al box office. Per questo motivo Stallone ha deciso di ringraziare tutti i fan su Instagram.

Grazie per avermi fatto sentire come se fossi in cima al mondo – grazie all’attore. È stata una grande carriera grazie a tutti voi! Continuate a dare pugni. Grazie James Gunn

Questo ennesimo grande riconoscimento potrebbe portare Sylvester Stallone a decidere di chiudere qui la carriera? Vi ricorderete infatti come qualche tempo fa l’attore avesse spiegato come ogni film potrebbe essere l’ultimo.

LEGGI ANCHE:  Stallone sorprende gli studenti che visitavano la statua di Rocky [VIDEO]

Alla mia età, ogni film potrebbe essere il mio ultimo proiettile – aveva spiegato l’attore a  Esquire Middle East. Cerco di puntarlo nella giusta direzione e ci lavoro sodo. Non è sempre stato così. Negli anni ’80 mi sentivo come se dovessi vivere per sempre. Per questo non prestavo troppa attenzione al mio lavoro. Avevo lavori programmati per anni a seguire. Oggi li chiamerebbero “slot”. La cosa più importante in quel momento era assicurarsi che gli slot fossero pieni.

Un grandissimo record per un attore divenuto ormai un pezzo della nostra cultura popolare. Grande Sylvester!