Quando Raffaella Carrà, al Letterman, spiegò il femmismo al mondo

Nel 1986 Raffaella Carrà fu ospite del David Letterman Show. In quell'occasione mostrò quanto fosse assolutamente avanti con i tempi

raffaella carrà
Condividi l'articolo

Quando un personaggio come Raffaella Carrà viene a mancare, è normale andare a scavare tutti i momenti che hanno segnato la sua carriera. Per questo motivo nel web nelle ultime ore è tornata in voga un’intervista che la showgirl fece nel 1986 al David Letterman Show. In quell’occasione si esibì, in un fluente inglese, in una spiegazione del concetto di femminismo, mostrando quanto fosse già avanti per quegli anni.

Tutto inizia con una domanda del conduttore che chiede alla showgirl come sia essere paragonati a Johnny Carson o Ed Sullivan. La risposta è un manifesto ideologico di tutto quello che è stata Raffaella Carrà.

Questi sono due gentiluomini fantastici – risponde. Ma io sono una ragazza. Beh, ragazza. Donna. Prima di tutto mi piace essere me stessa. Tuttavia mi paragonano ad Ann-Margret e Barbara Walters. Ma io sono solo Raffaella Carrà.

Andando avanti con l’intervista, Letterman chiede alla showgirl se faccia molti soldi in Italia col suo lavoro.

LEGGI ANCHE:  Raffaella Carrà: in arrivo la serie sulla vita della grande showgirl

Si, faccio molti soldi – risponde la Carrà. E pago le mie tasse. Ed è una vittoria per le donne. Perchè in altri tempi erano gli uomini a guadagnare tanto. Ora anche noi donne iniziamo a fare lo stesso.

La Raffa Nazionale se n’è andata nella giornata di ieri a causa di un rapido male che in poco tempo l’ha portata via. Per questo motivo questa sera, in occasione della semifinale degli Europei tra Italia e Spagna verrà riprodotta la sua celeberrima A Far l’Amore Comincia tu nel riscaldamento pre match (qui tutti i dettagli del caso).

Pensare quanto la Carrà fosse così avanti con i suoi tempi, facendo questo tipo di ragionamenti in un palcoscenico importante come quello del Letterman, rende perfettamente l’idea dell’importanza che ha avuto nella lotta per le pari opportunità, oltre a tutto quello che ha fatto per la comunità LGBTQ+ (qui i dettagli).

Una grandissima icona che mai dimenticheremo.