Morta Raffaella Carrà, addio ad una vera leggenda italiana

A 78 anni è morta Raffaella Carrà. L'amatissima showgirl si è spenta in seguito ad un brutto male che da qualche tempo l'aveva colpita

raffaella carrà
Condividi l'articolo

Un giorno davvero triste per tutta l’Italia. A 78 anni si è spenta infatti Raffaella Carrà, autentica leggenda della televisione e della cultura popolare italiana. A dare il triste annincio è stato il compagno Sergio Japino che è si unito al dolore dei nipoti Federica e Matteo, di Barbara, Paola e Claudia Boncompagni oltre che di tutto il Paese.

 Raffaella ci ha lasciati – scrive Japino. È andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre

Raffaella Carrà, pseudonimo di Raffaella Maria Roberta Pelloni, se n’è andata alle 16,20 di oggi dopo una malattia che in pochissimo tempo ha tolto le energie ad una delle più grandi showgirl che abbiano mai calcato i palchi italiani. La grande showgirl ha mantenuto la sua umiltà e il suo stile fino all’ultimo momento. Ha chiesto infatti, nelle sue ultime volontà, una semplice bara di legno grezzo e un’urna per contenere le sue ceneri.

LEGGI ANCHE:  Pedro Almodovar ha omaggiato Raffaella Carrà nel film Madres Paralelas

La Carrà iniziò la sua carriera esordendo nel film del 1952  Tormento del Passato diretto da Mario Bonnard. In quel caso utilizzò il suo vero nome, Raffaella Pelloni. Il suo nome d’arte le fu consigliato solamente in seguiot dal regista Dante Guardamagna, associando il suo vero nome al cognome del pittore Carlo Carrà.

Tuttavia il successo arriverà qualche anno dopo quando diverrà la leggenda della televisione che tanto abbiamo amato. Prima nel 1970 con lo spettacolo Io Agata e tu, con Nino Taranto e Nino Ferrer e poi, soprattutto, con Canzonissima, dove affianca Corrado Mantoni.

In quella sede l’anno dopo, la Raffa Nazionale divenne leggenda grazie all’immortale Tuca tuca. Da quel momento in poi la carriera della Carrà prenderà il decollo senza mai fermarsi. Domenica In, Carramba che Sorpresa, Sanremo. E dovunque ha sempre portato la sua risata contagiosa e la sua impareggiabile simpatia.

Riposa in pace immensa Raffaella, non ti dimenticheremo mai.

LEGGI ANCHE:  Quando Raffaella Carrà, al Letterman, spiegò il femmismo al mondo