Spiral – L’Eredità di Saw, la Recensione del nuovo film della saga Jigsaw

La recensione di Spiral - L'Eredità di Saw, il reboot che vuole rilanciare il sadico enigmista Jigsaw. Nelle sale a partire dal 16 giugno.

spiral- l'eredità di saw, recensione, samuel l. jackson
Samuel L. Jackson in Spiral - L'eredità di Jigsaw
Condividi l'articolo

Otto film, non sempre tutti riusciti, fino ad ora. Il franchise legato al malefico Jigsaw è sicuramente uno tra i più longevi e prolifici dell’horror contemporaneo. Nato dalla mente del brillante James Wan, si giunge così al nono capitolo, Spiral – L’Eredità di Saw. Un reboot che archivia (ma senza dimenticare) John Kramer per rilanciare un altro misterioso e sadico enigmista.

Il film, già in uscita prima dell’infausta pandemia, arriva ora nei cinema di tutto il mondo. In Italia la data di uscita è quella del 16 giugno. Riuscirà a riportare ai fasti di un tempo una delle saghe più famose ed amate nel campo horror?

Spiral – L’Eredità di Saw, la Trama

Omertà e abusi regnano sovrani nel dipartimento di polizia dove Zeke Banks (Chris Rock) è il detective più odiato. Reo di non aver difeso un poliziotto corrotto, tutti lo guardano con cattivo occhio.

Tuttavia, una serie di efferati omicidi di alcuni suoi colleghi costringeranno il detective ad un’indagine che lo porterà in una spirale di terrore e violenza.

Spiral – L’Eredità di Saw, la Recensione

Un lungo videoclip di un’ora e mezza dove una musica incessante accompagna un po’ di gore gratuito. E, a contorno, qualche spunto buttato là in malo modo.

L’accanimento terapeutico nei confronti di Saw sembra ormai non avere fine. Abbiamo già assistito al tentativo fallito di voler rilanciare la saga nella sua continuità. Stavolta, forse, si fa un passo avanti, sebbene Spiral – L’Eredità di Saw arranchi per tutta la sua durata. Un film fin troppo inconsistente nel voler essere reboot di un ciclo cinematografico dove la longevità non è mai andata di pari passo con la qualità.

LEGGI ANCHE:  The Exorcist: serie tv, Recensione prima stagione

Giunti al nono film si è voluto rivoluzionare quanto già visto proponendo però la medesima formula. Un paradosso su cui Spiral – L’Eredità di Saw pone le sue fragili basi.

Da qui si dirama un thriller ultraviolento che ammicca al cinema di David Fincher senza mai avvicinarvisi, dove due detective, Chris Rock e Max Minghella (figlio d’arte visto già in The Handmaid’s Tale), instaurano il più classico dei rapporti padre figlio. Spunto totalmente non necessario e, ancor peggio, gestito in malo modo.

spiral- l'eredità di saw, recensione

Spiral ristagna dunque sulle sue stesse premesse, tra un dualismo didascalico fin troppo spiattellato e colpi di scena che difficilmente si possono considerare tali nel XXI secolo. Soprattutto perché, guardando al pubblico specifico a cui si rivolge il film, basta un nonnulla per capire dove si vuole andare a parare.

Una delle poche note positive è un cast ben amalgamato anche se non sfruttato nel migliore dei modi.

La prova di Chris Rock nella camicia sudata di Zeke Banks, detective maledetto dal suo essere ligio al dovere, resta degna di nota nonostante una scrittura ed una evoluzione ampiamente banali. Così come la certezza Samuel L. Jackson, in un ambiguo ruolo di detective in pensione, sebbene ridotto ad una macchietta autocitazionista a mo’ di sipario che apre e chiude il film.

LEGGI ANCHE:  Giappone: il Drive-In horror dove l'auto viene assalita da non morti [VIDEO]

spiral- l'eredità di saw, recensione, chris rock

Ciò che resta a fine visione di questo Spiral – L’Eredità di Saw è l’ennesima sensazione di deja vu in cui l’unica cosa che può solleticare la curiosità dello spettatore è quella di vedere le morbose trappole del nuovo enigmista.

La parte splatter, da sempre elemento importante della saga, è curata nei dettagli e nell’inventiva e viene esaltata da questa frenesia registica che porta la firma di Darren Lynn Bousman, regista dei Saw che vanno dal secondo al quarto film.

Tuttavia, si naviga nella gratuità delle suddette sequenze che pur essendo divertenti lasciano fin troppo spazio ad una storia narrata in maniera quantomeno rivedibile.

John Kramer, il sadico enigmista, è ormai morto da tempo. Viene da chiedersi quale sia il senso di spremere fino all’ultima goccia una saga che nella sua ampia lunghezza di circa un ventennio non ha mai rispettato le attese.

Il Cast

  • Chris Rock: detective Ezekiel “Zeke” Banks
  • Max Minghella: William Schenk
  • Marisol Nichols: capitano Angie Garza
  • Samuel L. Jackson: Marcus Banks
  • Zoie Palmer: Kara Boswick
  • Nazneen Contractor: Chada

Il Trailer

Ecco il trailer di Spiral – L’eredità di Saw, che, lo ricordiamo, approda nei cinema italiani a partire dal 16 giugno 2021.

Nel frattempo, invece, è già stato messo in cantiere un sequel diretto, di cui al momento si conosce poco, che riprenderà molto probabilmente la nuova linea e, verosimilmente, vedrà ritornare in scena Chris Rock e compagnia.

RECENSIONE
Valutazione
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".