Men, la Recensione del nuovo film Horror di Alex Garland

Al cinema, il film che ha scosso Cannes e che segna il ritorno al grande schermo di Alex Garland: Men. Ecco la nostra recensione.

men, recensione
Condividi l'articolo

Finalmente in sala Men, il nuovo film firmato Alex Garland che dopo la parentesi televisiva, torna sul grande schermo con quello che si prospetta essere l’horror dell’anno. Anche se probabilmente ridurre questo film ad una sola e semplice etichetta è, per l’appunto, riduttivo.

Sono molte le sfaccettature che questa nuova opera presenta, dallo shock (vedasi le reazioni all’anteprima a Cannes) alla sua intrinseca complessità simbolica, che meriterebbe un approfondimento a parte, visti i suoi molteplici simbolismi.

Men, la Trama

La perfetta Jessie Buckley interpreta Harper, una giovane donna che fugge da un dramma familiare verso un paese sperduto nella campagna inglese. Lì incontra Geoffrey, un perfetto Rory Kinnear, che la introduce nella nuova magione che occuperà per qualche tempo. Tuttavia, iniziano ad accadere cose molto strane che metteranno a dura prova la già fragile psiche di Harper.

Men, la Recensione

Not all men“: recita soave così, l’argomentazione magna di chi tenta di controbattere questioni prettamente femministe legate alla disparità di genere. Che per molti aspetti è come dire che non tutti i ratti portavano la peste nell’infausto passato. Ma tant’è. In questo nuovo film, Alex Garland sembra voglia proprio partire da questo assunto per comporre la sua nuova ultima fatica.

Un’allegoria sulla tossicità mascolina che si appoggia ad un folk horror di Hammeriana memoria. Eppure il cinema di Garland sembra aver trovato un adagio ben preciso e lineare, una poetica che guarda alla natura in un’ottica profondamente epicurea. Una natura matrigna, che ha su di noi umani una forza specifica che attrae e respinge allo stesso tempo, impossibile da comprendere.

È chiaro dunque che il fil rouge che lega i film di Garland sia proprio saldamente legato alla fitta boscaglia che circonda e costringe le vicissitudini dei suoi protagonisti. Tuttavia, in Men, il regista cambia genere e soprattutto registro, mescolando a suo modo Ex Machina e Annientamento. Il realismo del primo, la fantascientifica realtà del secondo. Un’unione che crea atmosfere oniriche e reali al tempo stesso.

men, recensione, rory kinnear

Ci troviamo sulla Terra, come in Ex Machina. Ci troviamo in un mondo che sembra essere ultraterreno, come in Annientamento. Gli spazi (e non solo) di Men diventano quindi una precisa unione dei due menzionati film, giacché il volto del perfetto Rory Kinnear rappresenta la totalità della popolazione, per dirne una, la più facile da notare.

LEGGI ANCHE:  Manchester By The Sea - Recensione in anteprima

Appare ormai dunque chiaro che Garland sceneggiatore e regista sia quantomai interessato all’oscurità dell’uomo e della natura. Già dalle sue prime sceneggiature era chiaramente visibile, ancor di più con i suoi film. In Men però troviamo un plus che permette al film di non “limitarsi” a guardare all’umanità in singolo, quanto più alla collettività.

Una collettività che mette gli occhi addosso ad Harper, la scruta e la giudica, nei suoi momenti di debolezza. Basta un urlo liberatorio dentro una chiesa a far partire un sermone non del tutto richiesto sul perdono cristiano e sulle sue due facce. Una, più clemente e comprensiva, l’altra che fa spallucce e suggerisce di ignorare, in nome di non si sa bene cosa se non un “è sbagliato ma è sempre successo“.

La bravissima Jessie Buckely torna dunque a muoversi in un oppressivo labirinto familiare, dopo il meraviglioso Sto Pensando Di Finirla Qui. Circondata da un locus amoenus che diventa pressoché subito claustrofobica fonte di misteri e paure, figlie del doppio trauma causato dal defunto ex marito.

Alternando presente e passato, con flashback dalla fotografia calda ed accogliente, volta ad aumentare il paradossale senso di oppressione, Men racconta la storia di una donna in soggiogata dai sensi di colpa. Sentimenti che non dovrebbe avere ma che al tempo stesso ne è costretta dal mondo che la circonda, che vomita e partorisce costanti j’accuse nei suoi confronti, non in quanto Harper ma in quanto donna.

men, recensione, jesse buckley

Senza cadere in  fastidiosi spoiler, risulta pressoché emblematico il finale, che fa prendere a Men delle pieghe orrorifiche molto più legate al body horror che non a quello di atmosfera (o elevated, per usare un aggettivo quantomai di moda oggi) che fin lì aveva abbracciato a piene mani. Un leggero salto sarà concesso anche noi, oltre che ad Harper ad inizio film, quando scocca la prima nota di Love Song di Elton John coverizzata da Lesley Duncan.

Lo shock che Garland vuole restituire, viene costruito attraverso un costante crescendo di tensione, mettendo in scena perfettamente il senso di angoscia che la povera Harper è costretta a subire. L’apparente banalità della storia viene dunque sostituita fotogramma dopo fotogramma con le sensazioni e l’emotività della protagonista.

LEGGI ANCHE:  Venom: La Furia di Carnage, la Recensione del film con Tom Hardy

Impossibile non sentirsi costretti come Harper, altrettanto complesso non provare empatia per ciò che suo malgrado subisce. Tanto a Londra, durante le discussioni con il ex marito, quanto a Cotson, con la sua aura misteriosa e personaggi dalla discutibile etica.

Con Men, Alex Garland è alla costante ricerca di un’atmosfera ben precisa, di una raffinatezza stilistica che riesce ad esaurirsi in ogni momento. Le immagini risultano sempre profondamente evocative e ancor più cariche di simboli. Esattamente come il controverso Madre! di Aronofsky, per intenderci, seppur con altri intenti e risultati.

Il surrealismo onirico che caratterizza la realtà presente in Men non può che rimandare al cinema di Kaufman, a quella sensazione di claustrofobia del già sopracitato suo ultimo film. Tuttavia, Garland non si limita a quello che può essere un omaggio o una semplice ispirazione.

men, recensione, rory kinnear, geoffrey

C’è tantissimo del suo cinema pregresso, e da regista e da sceneggiatore, ma stavolta viene completamente eviscerato. Sarà impossibile non sentirsi trascinati a forza dentro questo mondo surreale, ancorché quantomai ancorato ad una tragica realtà sociale conclamata e radicata. Angoscia, rabbia, tristezza e paura. Sentimenti che verranno trasferiti allo spettatore con una maestria che difficilmente trova eguali.

Passo dopo passo, l’incubo di Harper sarà il nostro incubo. Vivremo e sentiremo ciò che lei vive e sente, magari riuscendo anche a guardare dentro di noi, come un pensiero latente che, come insegna Reidd, puoi ignorare ma non puoi fingere. Cosa che, ancor più del finale a tinte “splatter“, causerà un senso di disturbo ed inadeguatezza, magari anche di rabbia.

Insomma, Men è un film che chiaramente dividerà chiunque. Non è un film che vuole farsi piacere ad ogni costo, tantomeno rifugiarsi nella mera provocazione fine a sé stessa. Men scaverà in ognuno di noi, lasciandoci qualcosa con cui forse non vorremmo mai fare i conti. Ed è proprio per questo che è un grandissimo film.

Cast

  • Jesse Buckley: Harper
  • Rory Kinnear: Geoffrey

Trailer

RECENSIONE
Voto
Avatar di Lorenzo Pietroletti
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".
men-recensione-alex-garlandFinalmente in sala Men, il nuovo film firmato Alex Garland che dopo la parentesi televisiva, torna sul grande schermo con quello che si prospetta essere l'horror dell'anno. Anche se probabilmente ridurre questo film ad una sola e semplice etichetta è, per l'appunto, riduttivo. Sono molte...