Le 9 migliori interpretazioni di Tim Roth [LISTA]

Ecco una selezione dei migliori film interpretati da Tim Roth, che i fan del grande attore inglese non possono assolutamente perdere.

Condividi l'articolo

7) George – Funny Games, 2007

Tim Roth; Funny games; Michel Haneke
Tim Roth in Funny games Credits: Lucky Red

L’esperienza fu traumatica per l’attore britannico. Durante un’intervista l’attore ha affermato: «è stato il film più disturbante tra tutti quelli che ho fatto. Sono state cinque settimane di lacrime». Si rifiutò infatti di rivedere il risultato del montaggio finale. Anche per il pubblico affrontare la visione non è facile.

L’incubo che affrontano i coniugi George (Tim Roth) e Ann (Naomi Watts) è empaticamente vissuto anche dallo spettatore. Infatti, marito e moglie subiscono l’incursione di due giovani benestanti in tenuta da golf. La tortura psicologica e fisica che ne segue ha avuto varie interpretazioni metaforiche. Chi vi ha trovato una lettura dell’America ai tempi di Bush, chi le difficoltà della vita matrimoniale e così via.

Di certo la messa in scena di Michael Haneke non lascia indifferenti e coinvolge nello strazio dei protagonisti. Tim Roth nei panni di George risulta decisamente autentico. Il suo volto è rigato dalle lacrime di una sofferenza inflitta apparentemente senza alcun motivo. Invoca una pietà che non sembra destinato a ricevere. L’attore riesce nel mostrare il dolore provocato dal sentirsi impotenti di fronte alla violenza.

LEGGI ANCHE:  Morto Cormac Roth: addio al figlio di Tim, aveva 25 anni

Sicuramente un film che trae forza dai suoi due interpreti principali e costituisce una riprova della bravura di Tim Roth.

8) Dominic Matei – Un’altra giovinezza, 2007

Tim Roth; Un'altra giovinezza; Francis Ford Coppola
Tim Roth in Un’altra giovinezza Credits: BiM Distribuzione

Per questo film, assolutamente da riscoprire, Francis Ford Coppola sceglie proprio Tim Roth per il ruolo del protagonista. Il linguista e professore rumeno Dominic Matei è impegnato da decenni nella scrittura di un libro sulle origini del linguaggio e della coscienza. All’età di 70 anni viene colpito da un fulmine.

Dopo una lenta guarigione, si trova a rivivere la propria giovinezza, risvegliandosi come un uomo di 35 anni. Scopre inoltre di aver acquisito dei particolari poteri, come la telepatia e un aumento esponenziale delle facoltà intellettive. Riprende così la sua ricerca, ma le cose si complicano quando conosce Veronika, una donna che gli ricorda il suo passato amore.

Un film filosofico, che indaga importantissime istanze del sapere. Il doppio, la trasmigrazione dell’anima, l’amore e il linguaggio umano sono i temi principali.

Il lavoro svolto da Roth è incredibile e mostra ancora una volta come possa dare il meglio nei progetti giusti. La sua interpretazione di Matei, la cui mente è divisa da due personalità differenti, cattura lo spettatore. La sofferenza, la brama di sapere, il desiderio di libertà affliggono il personaggio. Roth abbraccia tutte le sfumature dell’animo umano e ne carpisce l’essenza.

LEGGI ANCHE:  Le Iene - 25 anni dopo la reunion al Tribeca Film Festival per Tarantino

9) Oswaldo Mobrey – The Hateful Eight, 2015

Tim Roth; The hateful eight; Quentin Tarantino
Tim Roth in The hateful eight di Quentin Tarantino Credits: 01 Distribution

Non poteva mancare in questa lista l’ultima collaborazione di Tim Roth con Quentin Tarantino, seppur recitò anche in C’era una volta a Hollywood. La parte però fu tagliata e non inserita nella versione cinematografica.

A distanza di 20 anni da Four Rooms, attore e regista tornano a lavorare insieme, confermando la passata sinergia. Nell’ottavo film di Tarantino, Roth interpreta l’alquanto misterioso Oswaldo Mobrey, uno dei passeggeri ritrovatisi all’emporio di Minnie. La sua identità e le sue movenze sono estremamente sospetti, come quelle di tutti gli otto protagonisti del film.

Tim Roth contribuisce perfettamente all’atmosfera di mistero dell’opera. Il ritmo e l’andamento ricordano quelli di un giallo, genere caro a Tarantino. L’ambiguità dei personaggi, tra cui spicca Oswaldo, è necessaria a ricreare questo contesto. Niente è lasciato al caso e tantomeno l’interpretazione di Roth, che con la sua mimica facciale illumina lo schermo in ogni inquadratura.