Le 9 migliori interpretazioni di Tim Roth [LISTA]

Ecco una selezione dei migliori film interpretati da Tim Roth, che i fan del grande attore inglese non possono assolutamente perdere.

Le iene; Quentin Tarantino
Tim Roth nella parte di Mr. Orange in Le iene Credits: Penta Distribuzione
Condividi l'articolo

Di certo il grande interprete di Mr. Orange in Le iene e di Novecento nella Leggenda del pianista sull’oceano non ha bisogno di presentazioni. La maestria di Tim Roth nella mimesi di personaggi, spesso contorti, è oltremodo conosciuta e apprezzata. Ma è doveroso scandagliarne il percorso per scovare i progetti più nascosti, che meritano la sufficiente attenzione.

La carriera di Tim Roth prende avvio quasi per caso. Nasce nel 1961 a Londra. Figlio di un’insegnante e di un giornalista, il piccolo Tim viene iniziato alle arti visive. La madre, cimentandosi nella pittura di paesaggi, trasferisce l’estro creativo al figlio. Questi coltiva la passione di diventare scultore, frequentando anche un’accademia specifica. All’età di vent’anni decide di provare con la recitazione; partecipa a un provino per una recita scolastica di una rappresentazione di Dracula. Viene scelto proprio per il ruolo del conte.

Il debutto al cinema avviene, a soli 21 anni, con un film per la televisione, intitolato Made in Britain, del 1982. Nella seconda metà degli anni ’80 il talento di Tim Roth esplode in patria e riceve le attenzioni di importanti registi. Lavora infatti con Agnieszka Holland, Robert Altman e Peter Greenaway. Entra a far parte di un gruppo di attori inglesi la cui fama nasce proprio in quegli anni, il Brit Pack. Della cerchia fanno parte anche Gary Oldman, Colin Firth e Daniel Day-Lewis.

Il talento di Tim Roth giunge anche oltreoceano e conquista i registi americani di maggior rilievo. L’incontro con Quentin Tarantino sarà decisivo per il decollo definitivo e l’ingresso nel firmamento delle star hollywoodiane del nostro Tim. Non stupirà dunque la presenza in questa selezione dei titoli che segnano questo importante sodalizio. Andiamo quindi a scoprire in quali produzioni il talento dell’attore londinese ha brillato di luce propria.

LEGGI ANCHE:  Funny Games - Il gioco sadico di Michael Haneke

1) Mr. Orange – Le iene, 1992

Tim Roth è Mr. Orange in Le iene di Quentin Tarantino

La prima sceneggiatura di Quentin Tarantino riceve grande attenzione dopo che Harvey Keitel sale a bordo del progetto. Ai casting partecipano infatti nomi come Edward Norton, George Clooney e Christopher Walken. Il regista scrittura proprio Tim Roth per la parte di Mr. Orange nel suo esordio. Il risultato è storia.

Il film divenne un instant cult e mostrò in tutte le sue sfaccettature la bravura di Roth. Il suo ruolo lavora su una recitazione a due livelli. Infatti, per essere un poliziotto sotto copertura «devi essere Marlon Brando, devi essere un grande attore», come spiega il suo partner. Lo vediamo sdoppiarsi nella parte del poliziotto e nella copertura di finto gangster, che cerca di guadagnarsi la fiducia dei compagni.

Il lavoro di Tim Roth riesce bene in tutti i momenti del suo personaggio. Il timore di essere scoperto, la variazione che imprime alla voce quando è in compagnia delle altre Iene sono elementi sui quali si nota la dedizione di Roth. Nacque così il sodalizio con Tarantino, che notò la grandezza dell’attore inglese e lo scelse per altri suoi grandi successi.

2) Joshua Shapira – Little Odessa, 1994

Little Odessa; James Gray
Tim Roth in Little Odessa Credits: CECCHI GORI GROUP

Il film segna il grandissimo esordio di un regista di cui si parla troppo poco, James Gray. Autore di altri capolavori come Two Lovers e Ad Astra, mostra la predilezione per un cinema introspettivo sin dalla prima produzione.

Il film narra la storia di Joshua e Reuben, due fratelli di origine russa e di religione ebraica. Vivono nel quartiere di Little Odessa, in cui forte è la presenza di immigrati dell’Est-Europa. Tim Roth è Joshua, fratello maggiore, che torna nel suo vecchio quartiere per trovare la madre malata. Il suo ritorno non è gradito e creerà non pochi sconvolgimenti nella famiglia e nel giovane Reuben. Joshua è infatti un sicario della mala russa, disconosciuto dal padre.

LEGGI ANCHE:  5 elementi che rendono The Hateful Eight un gran film

L’interpretazione glaciale di Roth lascia senza fiato. Mette in scena un personaggio complesso, che vive una lotta interiore. Vorrebbe infatti tenere lontano dalla criminalità che lo circonda il piccolo Reuben, affascinato dalla figura del fratello maggiore. Allo stesso tempo non riesce egli stesso ad allontanarsi da quel mondo.

Il lavoro svolto da Tim Roth è ineccepibile e il ruolo risulta di una naturalezza spiazzante, merito anche della mano esperta del regista James Gray. Il risultato è un noir imperdibile, dal realismo crudo e graffiante, non adatto a una visione leggera.

3) “Zucchino” – Pulp Fiction, 1994

Pulp Fiction; Quentin Tarantino
“Zucchino” e “Coniglietta” in una scena di Pulp Fiction Credits: Cecchi Gori Distribuzione

Dello stesso anno è il capolavoro di Tarantino, che lo consacrerà come astro nascente del cinema americano. Il ruolo di Zucchino, per cui era in ballottaggio anche Johnny Depp, venne affidato a Tim Roth, segnando la seconda collaborazione con il regista losangelino.

L’improvvisato rapinatore, che sceglie il giorno sbagliato per derubare i clienti di una tavola calda, non poteva avere un interprete migliore. Il personaggio risulta arrogante e sicuro di sé, ma nasconde una fragilità palpabile.

L’incontro con Jules (Samuel L. Jackson) appare come un segno della Provvidenza. Gli permette di comprendere che il destino ha scelto un’altra strada per lui e la sua compagna, Coniglietta (Amanda Plummer). Il volto atterrito dell’attore londinese esprime perfettamente i sentimenti di Zucchino. L’interpretazione folle fungerà da apripista per una tipologia di ruoli cui si dedicherà successivamente.