Nino Frassica: “LOL geniale, Valerio Lundini è il mio erede”

Parlando con l'Huffington Post, Nino Frassica ha parlato di LOL - Chi Ride è Fuori, di Valerio Lundini e della comicità in generale

Nino Frassica, lol - chi ride è fuori, valerio lundini
Condividi l'articolo

Nino Frassica, intervistato dall’Huffington Post ha parlato della situazione della comicità italiana e, soprattutto, di LOL – Chi Ride è Fuori, apprezzatissimo programma appena terminato su Amazon Prime Video.

È un genio chi ha scritto LOL – Chi Ride è Fuori, perché fa molto ridere, è un format che funzionerà per parecchi anni. Sulle piattaforme di streaming si sperimenta di più. Hanno bisogno di provare tutto e questa volta ci sono riusciti anche con la comicità. Non tutti gli esperimenti sono riusciti fino a ora, ma Lol è riuscitissimo. Potrebbe funzionare anche in televisione in prima serata. Lol è la cosa più divertente che c’è in questo momento – spiega l’attore.

Andando avanti con l’intervista, il settantenne di Messina, ha spiegato cosa, secondo lui, non funziona nella televisione moderna dal punto di vista della comicità.

I programmi comici si fanno ancora ma sono di routine e con i soliti numeri. Gli spazi dedicati alla comicità esistono: c’è Brignano, Quelli che il calcio, il tavolo di Che tempo che fa e Stasera tutto è possibile, dove non ci sono sketch ma giochi. Poi c’è Lundini che è una novità, mentre gli altri sono programmi ripetuti e di routine.

Prima si lavorava nei locali e c’era un linguaggio preciso, dovevi prepararti e coccolare il pubblico. I social sono una sintesi dove vanno forte Maccio Capatonda e i The Jackal che hanno un linguaggio ‘internettiano’. Hanno un modo per far ridere sul web e lo sanno fare bene. È come prendere un estratto divertente di pochi minuti di un programma televisivo, che per intero non fa tanto ridere, per pubblicarlo in rete

Parlando proprio di Valerio Lundini, Nino Frassica l’ha indicato come suo erede.

LEGGI ANCHE:  LOL 2 si farà, arriva la conferma ufficiale di Amazon [FOTO]

Valerio Lundini è sicuramente il mio erede. E poi i surrealisti, che seguono la mia linea. Anche Massimo Bagnato e Maccio Capatonda, che non sono più giovani ma affermati

Cosa ne pensate?