Ted Nugent: “Perché no lockdown per i COVID dall’1 al 18?”

Ted Nugent con un'altra acuta osservazione sulla pandemia

Ted Nugent
Credits: Classic Hits / YouTube
Condividi l'articolo

Ted Nugent pone quella che per lui è una semplice domanda di logica

Ted Nugent, il vecchio rocker repubblicano pro-armi e pro-caccia, sostiene già da mesi (nessuna sorpresa) posizioni negazioniste e no-mask. Insultando qua e là e lasciandosi andare a messaggi patriottici confusi e pieni di retorica, il cantante di Cat Scratch Fever se ne è uscito con un’altra delle sue.

Il suo ultimo sfogo via social, infatti, ha qualcosa di fenomenale. Sentite qua: tutto comincia, com’è anche comprensibile, lamentando l’impossibilità perdurante dei live show musicali. “Il tour di quest’anno è cancellato di nuovo. Brutti bastardi, mentitori, truffatori, fumo-negli-occhi stupidi del COVID-19“.

“Penso che vi domanderei, perché sono dipendente da verità, logica e buon senso (e il mio metro del buon senso domanderebbe la risposta): perché non abbiamo chiuso tutto per i COVID dall’1 al 18?” Sì, nella mente di Ted Nugent il COVID-19 è solo l’ultimo di una saga di film iniziata negli anni ’80. E non si ferma qui.

LEGGI ANCHE:  ''Alzatevi e agite": questa volta Morello zittisce Ted Nugent

“C’è stato il COVID-1” continua il rocker “E ci sono stati il COVID-2, -3, -4, -5, -6, -7, -8, -9, -10, -11, -12, -13, -14, -15, -16, -17, -18. Dall’1 al 18 non abbiamo chiuso nulla, ma ehi, il COVID-19 ce l’ha fatto fare, anche se l’indice di sopravvivenza è del 99,8%. Perché non abbiamo chiuso per l’epidemia di AIDS o per l’Influenza Spagnola o per la Febbre del Nilo?”

“Dicono che 500mila persone sono morte per il COVID-19. Stronzate. Credo che per gli esaminatori medici in tutti i 50 stati sia andata così: ‘Ho scritto sul certificato di morte che è deceduto per asfissia, ma mi ci hanno fatto scrivere COVID‘. ‘Bè, questo tizio è stato pugnalato a morte, ma mi ci hanno fatto scrivere COVID‘”.

Ce n’è ancora: “‘Questo tizio è stato investito da un camion carico di ghiaia che faceva una sgommata e i corvi gli hanno beccato la pelle, ma mi hanno fatto scrivere COVID-19‘”. Avete capito l’antifona del messaggio. E al di là della confusione su tutte le nozioni così superficialmente espletate, chi glielo spiega che il 19 del COVID è solo l’anno della scoperta della malattia, il 2019?

LEGGI ANCHE:  Ted Nugent: "Mi hanno chiamato ne*ro, quindi non sono razzista"

Fonte: Consequence of Sound

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.