Regé-Jean Page bocciato al provino per Krypton perché nero

Regé-Jean Page
Condividi l'articolo

Regé-Jean Page avrebbe dovuto interpretare il nonno di Superman, Seg-El

Oggi Regé-Jean Page è famoso come superstar (e sex symbol) di una delle serie di maggior successo della contemporaneità: Bridgerton. E per quanto il casing non preveda un suo ritorno nella serie romantico-erotica ambientata nell’Inghilterra ottocentesca (cosa di cui i fan si lamentano a gran voce), il ruolo gli ha assicurato duratura popolarità.

Anche per questo è emerso in questi giorni un aneddoto su di un suo provino, effettuato anni fa, per la serie Krypton. Parliamo di uno show proseguito per sole due stagioni sulla rete americana Syfy. Come suggerisce il titolo, trattasi di un prequel delle vicende di Superman, ambientato circa 200 anni prima rispetto alle avventure del moderno Clark Kent.

Protagonista Seg-El, il nonno di Kal-El (Superman, appunto). Proprio questo l’ambizioso ruolo per il quale Regé-Jean Page si era presentato ai provini. In un primo momento sembrava essere andato tutto bene, ma poi all’attore era stato comunicato che la parte non era sua. Geoff Johns della DC Films, a quanto pare, non voleva un nonno di Superman… nero.

Il fatto è riemerso da un’intervista di Ray Fisher con The Hollywood Reporter, nella quale si affronta il sempre scottante problema delle riprese dell’ormai vituperato Justice League (2017). Nell’occasione, Fisher fa riferimento anche alla presa di posizione nei confronti di Page, del resto confermata da molteplici fonti.

Ora naturalmente non ha più importanza, dato che la serie è stata cancellata e l’attore inglese ha ottenuto un successo ben maggiore con Bridgerton. Anche così, però, non ha mancato di esprimersi via social sulla faccenda: “Sentire di queste conversazioni non fa meno male oggi di ieri. Le chiarificazioni fanno quasi più male, ad essere onesti. Io, comunque, faccio la mia parte”.

Fonte: Deadline

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.