”Alzatevi e agite”: questa volta Morello zittisce Ted Nugent

Nello scontro pro o contro Trump si vanno valere ancora una volta le ragioni di Tom Morello, chitarra dei Rage Against The Machine. Non un utente twitter qualunque come avversario, ma il repubblicano Ted Nugent, famoso chitarrista di Detroit.

Morello vs Trump: round 2

Risale al 2017 il famoso tweet di Tom Morello in cui rispondeva per le rime ad un sostenitore di Trump. “Non serve essere laureato con lode in scienze politiche all’Università di Harvard per rendersi conto della natura disumana e senza etica di questa amministrazione” diceva. Ma poi chiosava in maniera ancor più fulminante: “Il caso vuole che io sia laureato con lode in scienze politiche all’Università di Harvard’‘.

Con un affermazione del genere, la maglietta ”Should i trust the government?” e la chitarra ”Fuck Trump” acquisivano un enorme significato. Stavolta invece la faccenda è stata leggermente diversa. Sicuramente meno pubblico (dato che un tweet può fare il giro del mondo) l’intervento del chitarrista e cantante ormai settantenne Ted Nugent, ospite del programma radiofonico di Laura Ingraham, ha attirato ancora una volta il buon senso di Tom Morello che non ha tardato a rispondere a dovere.

Risultati immagini per tom morello trump

Le dichiarazioni opinabili di Nugent

Si parlava delle recenti accuse di razzismo ai danni del presidente in seguito a certi suoi apprezzamenti verso alcune donne del Congresso dell’ala democratica. L’intervento di Nugent è stato questo: “Come si fa a dire che Trump è razzista o bigotto? (…) Se sei gay o lesbica non so a chi possa interessare (…) Sono a questo mondo da 71 anni e non ho mai incontrato un razzista. So che abbiamo avuto il Ku Klux Klan (…) ma se si giudicano le cose per i loro contenuti non si può essere nè razzisti nè bigotti.”

Morello è stato subito colpito da questi commenti altamente discutibili e, sentitosi preso in causa, forte della battaglia personale che porta avanti da anni ha subito risposto: “Le fasce sociali lasciate indietro dalle politiche dei neoliberali (…) sono molto controllabili se si usa la demagogia e il razzismo (…) in questo modo si va anche a distrarre la gente dai veri problemi del momento, come quello ambientale. Trump e i suoi stanno distruggendo il pianeta (…) facciamo musica anche per trasmettere un diverso tipo di ideali, come (…) la lotta a fascismi e nazismi (…) piuttosto che ascoltare un demagogo dalla faccia arancione che dice che è sempre colpa dei musulmani.”

Fidatevi, qui la colpa è tutta sua.

La prima parte dell’intervento di Tom Morello si conclude in maniera lapidaria nei confronti del presidente. Non più un semplice (per quanto efficace) Fuck Trump. Questo fidatevi e tutta colpa sua non lascia margine di dubbio: il colpevole l’abbiamo individuato, ora sta a noi decidere cosa fare. Ed è infatti con la seconda parte del suo discorso che il chitarrista tenta di far aprire gli occhi al collega spiegandogli qual è il vero significato del fare musica:

Il mondo non si cambia da solo (…) siamo noi a dover agire (…) le persone che hanno portato cambiamenti su questo pianeta (…) non avevano tanto più coraggio, denaro, influenza, potere o creatività di chi ci ha seguito nel nostro percorso musicale. Per cui alzatevi e agite. Se col tweet del 2017 ci siamo fatti una risata, stavolta Tom ha deciso di farci riflettere. Magari, dopo Fuck Trump e Arm the Homeless, riusciremo a vedere sulla sua splendida chitarra anche il motto Stand up and Play. Chissà se anche in quel caso qualcuno avrà il coraggio di dirgli qualcosa.

Leggi anche:
Tom Morello e il suo album di rock elettronico – The Atlas Underground
I Killers denunciano Trump con il nuovo singolo “Land of the Free”

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.