Sharon Stone contro la Cancel Culture: “La cosa più stupida mai accaduta”

Parlando con SiriusXM, Sharon Stone ha attaccato pesantemente il concetto di Cancel Culture, così tanto di moda in questi ultimi anni

Sharon Stone, sorella, covid, ospedale, mascherina, basic instinct
Sharon Stone in Basic Instinct.
Condividi l'articolo

Sharon Stone ha rilasciato un’intervista radiofonica a SiriusXM per pubblicizzare il suo nuovo libro, The Beauty of Living Twice, in uscita il prossimo 30 marzo. Per l’occasione l’attrice di Basic Instinct e Casinò ha parlato di diverse questione, tra le quali la Cancel Culture, atteggiamento non propriamente apprezzato dalla Diva.

Penso che la Cancel Culture sia la cosa più stupida che abbia mai visto accadere – spiega la Stone. Penso che quando le persone dicono cose che sentono e pensano, ed è offensivo per te, sia una brillante opportunità per tutti di imparare, crescere e capirsi. Proveniamo tutti da età diverse, culture diverse, background diversi, cose diverse e abbiamo avuto esperienze diverse, traumi diversi, educazione diversa, genitori diversi, background religiosi diversi, tutto diverso. Quindi, la gente dovrebbe dare alle persone l’opportunità di discutere di qualcosa prima di cancellare tutta la loro persona per una dichiarazione, un commento o un malinteso. […] La gente ha fatto molto di più di una frase.

Sharon Stone, durante questa sua campagna per pubblicizzare il suo libro, è stata ospite anche del Michelle Collins Show dove ha parlato di un personaggio spesso associato alla Cancel Culture, Woody Allen. L’attrice ha parlato della sua esperienza lavorativa col cineasta newyorkese raccontando di essersi trovata magnificamente a lavorare con lui (qui l’articolo completo).

LEGGI ANCHE:  Il Mondo Segreto di Hollywood: 10 attori celebri ed i loro scheletri

Non ho mai avuto un’esperienza spiacevole con Woody Allen – ha spiegato la Stone. Le mie esperienze con lui sono state tutte meravigliose. Era altamente professionale e straordinariamente incoraggiante per me. Ed ero una giovane, avevo solo 19 anni, quando ho iniziato a lavorare con lui. Non è stato altro che spettacolare con me. Non ho esperienza che sia tutt’altro che eccezionale. 

Che ne pensate?