Sanremo 2021, Willie Peyote ad Ermal Meta: “Ruffiano”; la replica [VIDEO]

Willie Peyote contro Ermal Meta

Willie
Credits: Willie Peyote Official / YouTube; Ermal Meta / YouTube
Condividi l'articolo

Diatriba sul web tra Willie Peyote ed Ermal Meta

Willie Peyote ed Ermal Meta sono stati tra i protagonisti assoluti di Sanremo 2021, per un motivo o per l’altro. Entrambi vincitori di un premio (Critica Peyote e Miglior Composizione Ermal), i due hanno battibeccato dietro le quinte. Solo uno dei tanti retroscena di un Festival che ha già tutti motivi per essere chiacchierato.

Tutto comincia due giorni fa, su Twitch. Lì fin dall’inizio della kermesse Willie Peyote ha commentato ogni serata assieme a due comici in una sorta di podcast chiamato “Le brutte intenzioni”. Lo sfogo arriva contro Ermal Meta in quanto quest’ultimo, come saprete, è stato il favorito per la prima posizione fino all’ultimissimo momento.

“In realtà lo dico anche se il mio backliner è lo stesso di Ermal ed è innamorato di Ermal, quindi non ho alcun motivo personale per avercela con lui. Però, stasera ti devo dire la verità: intanto stai cantando Caruso nel giorno del compleanno di Lucio Dalla ed è già una scelta veramente ruffiana“. Questo dice Peyote.

“Una scelta veramente ruffiana”

Ovviamente il riferimento è alla terza serata del Festival, quella delle cover, nella quale appunto Ermal ha interpretato Caruso di Lucio Dalla. Ma non finisce qui, perché Willie rincara la dose: “E poi lui canta molto bene, nessuno gli toglierà questa cosa, ma Annalisa in confronto è il vulcano dell’Etna in eruzione“.

LEGGI ANCHE:  I Jalisse esclusi da Sanremo per 24 anni consecutivi

Nella stessa diretta il rapper si professa anche fan dei Måneskin, futuri vincitori. Parlando di loro, afferma: “Io gli cedevo il primo [posto] di Ermal, che non se lo merita per niente“. Come abbiamo visto il primo posto il quartetto romano se l’è preso lo stesso, mentre Ermal Meta è finito terzo.

Nel frattempo il cantante ha risposto alla provocazione di Peyote: “Caro Willie Peyote, voglio farti un dispetto e dirti quello che penso. Penso che tu sia bravo. Ieri eravamo a due metri di distanza nei camerini e se mi avessi detto di persona queste parole, saresti stato il coraggioso che appari sul palco. Buona fortuna e buona musica”.

Fonte: Corriere della Sera