Float: il commovente corto Pixar sulla diversità [VIDEO]

Float è il commuoventissimo corto Pixar scritto e diretto da Bobby Alcid Rubio dedicato a tutti i bambini ritenuti diversi.

float pixar
Condividi l'articolo

Negli ultimi giorni Pixar ha rilasciato su YouTube Float, il commovente cortometraggio, scritto e diretto nel 2019 da Bobby Alcid Rubio che racconta i problemi della diversità nei bambini.

La storia racconta di un giovane padre che scopre che suo figlio non è come tutti gli altri. Il piccolo è infatti capace di volare, da qui il titolo del corto, Float “Galleggiante”. Quando questa sensazionale capacità del bimbo viene scoperta dai vicini, iniziano le occhiatacce e le discriminazioni.

Dapprima il genitore prova a nascondere le capacità del figlio, riempiendo di sassi il suo zainetto per tenerlo ancorato a terra e nascondendosi da sguardi indiscreti. Tuttavia un giorno il piccolo, ansioso di giocare vola letteralmente in un parco, attirando su di sé l’attenzione.

Il padre dapprima lo strilla con le uniche pronunciate del corto “Perché non puoi essere normale?”, salvo poi ricredersi e lasciare il bambino libero di essere quello che è.

Davvero un messaggio stupendo, rimarcato anche dal disclaimer posto dal regista alla fine del progetto:

LEGGI ANCHE:  Pixar, tutti i film dal peggiore al migliore

Per Alex. Grazie di rendermi un Padre Migliore. Dedicato con amore e comprensione a tutte le famiglie di bambini ritenuti diversi

Davvero un meraviglioso lavoro dei ragazzi di casa Pixar che come al solito tentano di toccare le corde più profonde delle persone con i loro lavori. Sensazione palpabile anche osservando il trailer del loro prossimo lungometraggio, Luca (qui per vederlo). Anche in quel caso sarà fondamentale il tema della diversità e dell’amicizia e l’opera ha tutte le carte in regola per diventare l’ennesimo gioiello di una carriera fatti di autentici capolavori dell’animazione.

Che ne pensate di questo Float?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.