Carlo Verdone: “I film sono fatti per essere visti in sala”

carlo verdone, benedetta follia
Carlo Verdone in un frame di Benedetta Follia
Condividi l'articolo

Carlo Verdone, da sempre protagonista del cinema italiano, comico e non, riflette sulle aspettative dell’industria cinematografica, ora che la pandemia (si spera) si sta avviando ad una conclusione. In un’intervista a La Repubblica, dice: “Sono certo che in futuro ci sarà ancora più voglia di commedia, e di condividere insieme i film”.

L’attore romano, che ha da poco compiuto 70 anni, ribadisce anche i motivi per i quali non ha voluto che il suo ultimo film, Si Vive Una Volta Sola, uscisse in streaming. “I film sono fatti per essere visti in sala, su uno schermo grande, le serie invece per la tv, c’è una bella differenza”.

Carlo Verdone aveva già ribadito questo concetto qualche mese quando, ospite all’arena estiva del Piccolo Cinema America, si era accanito anche contro il “politicamente corretto” (qui l’intervista integrale). Dice poi di essersi prestato in toto alla scrittura, durante i vari lockdown: come molti di noi, ha messo a buon frutto il tempo chiuso in casa.

LEGGI ANCHE:  Morta Irina Sanpiter, la Magda di Verdone

“Non ho fatto altro. Questa pandemia è stata una tragedia” spiega, riferendosi non solo al conto delle vittime ma anche all’effetto psicologico della costrizione di restare al chuso e in isolamento su di un’intera società . Lui, perlomeno, ne ha tratto qualcosa: la serie Vita di Carlo, che potremo vedere su Amazon Prime Video.

Fonte: Ansa

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Pensa, la Scimmia fa.

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.