I Foo Fighters in versione dark nel video di Shame Shame [GUARDA]

I Foo Fighters come non li avete mai visti, né sentiti

Foo Fighters
Credits: Foo Fighters / YouTube
Condividi l'articolo

I Foo Fighters riscoprono il proprio lato più malinconico e cupo

Shame Shame è il nuovo video dei Foo Fighters, video che accompagna il nuovissimo singolo, omonimo, della band di Dave Grohl. La canzone è la prima ad anticipare il decimo disco della band, intitolato Medicine at Midnight e in uscita nel febbraio del 2021. Molti fan già non stanno più nella pelle.

Storicamente i Foo Fighters hanno sempre spaziato molto con i loro videoclip, arrivando anche a fare un po’ la storia di MTV, soprattutto a cavallo tra anni ’90 e anni ’00. Sono andati dai video comici e divertenti come Big Me, Learn to Fly e Long Road to Ruin, a quelli “seri” e impegnativi come The Pretender, Times Like These e My Hero.

Shame Shame appartiene senz’altro a quest’ultima categoria, visto tra l’altro che già la canzone stessa si fa notare per i toni tenebrosi e introspettivi, in un modo di certo non usuale per la band. Del resto il gruppo ci aveva avvisato: in questo disco sentiremo i Foo Fighters come non li abbiamo mai sentiti.

LEGGI ANCHE:  Nirvana vs Guns N' Roses: la storia di una rivalità e le nuove evoluzioni
Foo Fighters – Shame Shame, 2020

Il video è tutto in bianco e nero e vede protagonista il solo Dave Grohl assieme ad una ragazza/ballerina. Alcune sequenze ricordano alla lontana delle scene dello storico video di Everlong (1997), in assoluto uno dei singoli più popolari della band. Ma qui l’ambientazione è del tutto diversa.

Siamo in un paesaggio brullo e delle immagini oniriche si alternano a motivi funesti e richiami abbastanza espliciti alla distruzione e alla morte. La canzone parla di separazione, incomprensione e solitudine; e anche se probabilmente si tratta “solo” di tematiche amorose, possiamo tutti ben riconoscerci nel testo per altri motivi.

Medicine at Midnight uscirà il 5 febbraio 2021, dopo essere stato anticipato per mesi dalla band. Conterrà nove tracce inedite e sarà il secondo disco, dopo Concrete and Gold (2017) a vedere la presenza di un tastierista ed arrangiatore, Rami Jaffee, che suona con la band dal vivo già dal 2005.

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Sente, la Scimmia fa.

LEGGI ANCHE:  Vincere una chitarra con i Foo Fighters