Facebook censura lo Zwarte Piet, la Blackface natalizia

Lo Zwarte Piet, personaggio della tradizione natalizia olandese è stato messo al bando da Facebook a causa della Blackface

the-office-facebook, blackface

Facebook, nella sua opera di censura delle fattispecie controverse, ha deciso di mettere al bando lo Zwarte Piet. Si tratta di un personaggio della tradizione natalizia del Nord Europa ed in particolar modo dell’Olanda. Il nome starebbe ad indicare, secondo il folklore olandese, un aiutante nero di San Nicola.

Nelle feste natalizie questo personaggio è impersonato da un attore bianco, pesantemente truccato di nero. Questo processo, ora noto come Blackface, è col passare del tempo, sempre meno accettato dall’opinione pubblica mondiale, in quanto ritenuto offensivo nei confronti delle comunità nere.

Questo particolare personaggio natalizio aveva travalicato i confini olandesi grazie alla Sit Com The Office. In un episodio natalizio infatti veniva rappresentata la cerimonia natalizia olandese nella quale lo Zwarte Piet è protagonista.

La scena nella quale appare il personaggio truccato con la Blackface era stata già censurata qualche tempo a fa a seguito delle violente proteste successive all’omicidio di George Floyd (qui i dettagli); tuttavia Facebook ha voluto evitare qualsiasi problema ed ha eliminato la possibilità di caricare l’immagine dell’aiutate nero di San Nicola.

Secondo infatti le linee guida emanate dal social network, sarebbero state messe al bando tutte le immagini raffiguranti bambini seduti sulle gambe di Zwarte Piet ma anche le immagini dell’aiutante utilizzate a sfondo politico o per la creazione di meme.

Già in passato l’ONU aveva intimato all’Olanda di mettere al bando il personaggio in quanto ritenuto offensivo nei confronti degli africani. Che questa possa di Facebook convincerà il paese degli Orange a cancellare questo controverso personaggio?

Cosa ne pensate di questa decisione dell’azienda fondata da Mark Zuckerberg? Vi sembra corretta? Fateci sapere la vostra, come sempre, nei commenti.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!