15 Curiosità su Le Ali della Libertà che (forse) non conoscete

15 Curiosità su Le Ali della Libertà, il bellissimo film con Tim Robbins e Morgan Freeman

le ali della libertà; Morgan Freean
Tim Robbins e Mogan Freeman in Le Ali della Libertà
Condividi l'articolo

Le Ali della Libertà è un film di Frank Darabont tratto dal racconto breve di Stephen King dal titolo Rita Hayworth e Shawshank Redemption.

Vera pietra miliare della storia della settima arte, Le Ali della Libertà racconta la storia di Andy Dufresne (Tim Robbins), un bancario che viene accusato di aver ucciso la moglie e la sua amante. Pur professandosi innocente, Andy finisce in carcere dove, dopo un inizio alquanto violento e brutale, trova il modo di coesistere con il sistema carcerario, facendo affidamento sull’amicizia di un altro detenuto, Red (Morgan Freeman).

In occasione del passaggio in TV di questo splendido film, vi raccontiamo alcune curiosità che forse non conoscete su Le Ali della Libertà.

Nove ore

La prima scena in cui i personaggi di Andy e Red parlando per la prima volta nel cortile della prigione è stata girata in non meno di nove ore. Per tutto il tempo Morgan Freeman ha continuato a lanciare la palla da baseball che il suo personaggio aveva tra le dita senza mai lamentarsi un minuto. Il giorno dopo, però, si presentò a lavoro con il braccio fasciato.

LEGGI ANCHE:  Stephen King e il cinema - parte III - le serie televisive
le ali della libertà baseball
Tim Robbins e Morgan Freeman in una scena de Le Ali della Libertà

Il film preferito

Nonostante la lunghissima carriera costellata da ruoli iconici e indimenticabili, Morgan Freeman ha sempre dichiarato che Le Ali della Libertà è il suo film preferito tra tutti quelli a cui ha partecipato. Persino secondo Stephen King questo potrebbe essere uno dei titoli che meglio sono stati trasposti da una sua opera.

Chi poteva essere Red

Per il personaggio di Red, poi andato a Morgan Freeman, vennero presi in considerazioni moltissimi attori d’alto livello, tra cui Clint Eastwood, Harrison Ford, Paul Newman e Robert Redford. Nel racconto originale Red è un irlandese di mezza età con i capelli rossi. Nonostante questo il regista Frank Darabont ha sempre avuto Morgan Freeman in mente per il ruolo.

Il caché di Stephen King

Stephen King non incassò i mille dollari che gli erano stati versati per i diritti della sua novella. Anni dopo l’uscita del film, King incorniciò l’assegno e lo spedì a Frank Darabont con una nota su cui c’era scritto: “Nel caso dovessi mai aver bisogno di soldi per la cauzione. Con amore, Steve”.

LEGGI ANCHE:  Stephen King e il cinema - parte II, dai '90 al nuovo millennio: 13 film nati dal Re dell'horror

Quei bravi ragazzi e Le Ali della Libertà

Frank Darabond dichiarò di aver visto Quei Bravi Ragazzi ogni domenica nel periodo in cui era impegnato con le riprese de Le Ali della Libertà, prendendo ispirazione proprio da esso per la struttura del film.

quei bravi ragazzi
GOODFELLAS, Ray Liotta, Robert De Niro, Paul Sorvino, Joe Pesci, 1990

Il crimine di Brooks

Sebbene non venga mai detto apertamente, a un certo punto del film si capisce che il motivo per cui il personaggio di Brooks è in galera è perché ha ucciso la moglie e la figlia dopo aver perso a poker.

Un giovane Red

Le foto segnaletiche che si vedono all’interno del film di un giovane Red raffigurano, in realtà, il figlio di Morgan Freeman, Alfonso Freeman.