Commedia all’italiana – I 5 migliori film su Amazon Prime Video

Se non sapete cosa fare, ma anche se invece lo sapete cambiate programma e andate su Amzon Prime Video per godere dei (pochi ma buoni) film della commedia all'italiana.

commedia all'italiana
Marcello Mastroianni in Dramma della Gelosia di Ettore Scola

La commedia all’taliana è questo: trattare con termini comici, divertenti, ironici, umoristici degli argomenti che sono invece drammatici. È questo che distingue la commedia all’italiana da tutte le altre commedie

– Mario Monicelli

E dio solo sa se ne abbiamo bisogno, ora più che mai, di affrontare questa vita amara con ironia e umorismo. Questa forzata quarantena sta risultando insopportabile per i più; per quelli che come noi sono insofferenti a restare isolati tra le mura di casa. Ognuno sta affrontando la situazione al meglio, chi si è improvvisato scrittore, chi pittore e chi sportivo o ancora cuoco. Ma tra tutti questi uomini nuovi, che hanno trovato linfa vitale nella clausura, ci siamo noi: degli inguaribili pigri. E cosa può fare un pigro, appassionato di musica e di cinema, se non ascoltare tanta musica e guardare tanto cinema? Così, quasi due mesi sono passati ad ascoltare dischi vecchi e nuovi e spulciare il catalogo di Amazon Prime; dio benedica Amazon Prime! Proprio lì, tra l’insofferenza e il torpore quotidiano, abbiamo trovato la soluzione per alleviare il nostro malessere: la commedia all’italiana!

L’esperienza di chi scrive, cioè il sottoscritto, cioè io

Non solo commedia all’italiana, chiaramente, la mia è una fame di cinema onnivora; ma dai maestri del cinema italiano ho adottato la giusta prospettiva. Ricordo ancora il momento esatto in cui mi sono innamorato perdutamente della commedia all’italiana, che forse fino ad allora avevo ingiustamente e stupidamente snobbato. Ero a Bologna, ci ho fatto l’università, ed in piazza Maggiore, tra tantissima gente, sullo schermo de Il Cinema Sotto le Stelle proiettavano Amici Miei. E io non riuscivo neanche a ridere, lo ricordo, talmente ero soggiogato dalla poesia e dalle amare riflessioni sulla vita di Monicelli e Pietro Germi. Come riusciva Monicelli a nascondere dietro le zingarate di cinque poveri amici tanto mal di vivere, o meglio il voler evadere da quel mal di vivere? E ho capito che le risate e le beffe della commedia all’italiana servivano a ridere e rendere tollerabile un profondo malessere, perché bisogna riderne. Ma allora ridiamo!

Io restai a chiedermi se l’imbecille ero io, che la vita la pigliavo tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una condanna ai lavori forzati; o se lo eravamo tutti e due – Amici Miei

Amici Miei, Mario Monicelli (1975)

Commedia all’italiana: le origini del genere

Erano anni di cambiamenti e profonde trasformazioni per la società italiana, dalle cui lacerazioni ne emergevano le contraddizioni: ed era ora di farci i conti. Ma se il Neorealismo aveva assunto un atteggiamento di patetismo per i poveracci, all’indomani della guerra la Commedia si faceva beffa della borghesia del “benessere”. E la commedia era il genere adatto con cui delineare una vera e propria satira che enfatizzasse il ridicolo degli italiani nuovi e arricchiti. Con quell’ironia pungente e amara che li caratterizzava, Monicelli, Scola, Risi e compagni hanno offerto una riflessione sulle ipocrisie e le repressioni della società italiana. E che infondo, non sono ancora le stesse di oggi? Perché se guardiamo alla commedia all’italiana scopriamo che le tematiche sono ancora attualissime e che grava sulle nostre spalle il peso di un educazione borghese. Un atteggiamento che ha inciso, allora come oggi, sul desiderio sessuale o l’emancipazione attraverso il lavoro.