Bombshell su Amazon Prime Video: ecco quando sarà disponibile [DATA]

Bombshell Charlize Theron, Nicole Kidman e Margot Robbie
Condividi l'articolo

In anticipo di un mese, arriva su Amazon Prime Video il controverso film Bombshell-La Voce Dello Scandalo, diretto da Jay Roach e con un supercast a disposizione. Il film è stato inoltre candidato a molti premi, tra cui gli ultimi Oscar 2020, vincendo quello per miglior trucco e acconciatura. Il film sarà disponibile a partire da venerdì 17 aprile per tutti gli utenti Prime Video. Qui potete trovare il trailer del film.

Un cast d’eccezione per Bombshell-La Voce Dello Scandalo, composto dalla bravissima Margot Robbe e da ben due premi Oscar come Charlize Theron e Nicole Kidman. Proprio quest’ultima presterà il volto a Gretchen Carlson, giornalista di Fox News che accusò di molestie sessuali Roger Ailes, fondatore di Fox News. Parallelamente, questa forte decisione spingerà Megyn Kelly a raccontare la sua storia. E a far crollare l’impero di Ailes, qui interpretato da John Lithgow, già apprezzato in Interstellar e nel film premio Oscar Voglia di Tenerezza.

Dietro la macchina da presa troviamo Jay Roach, già autore del bellissimo L’Ultima Parola – La Vera Storia di Dalton Trumbo, con Bryan Cranston nei panni del famoso sceneggiatore. Dopo un fugace passaggio in TV con All The Way, torna nel cinema per raccontare di nuovo una controversa storia vera da un punto di vista femminile. 

LEGGI ANCHE:  Film e Serie TV da vedere su Amazon Prime Video a Luglio 2020

Un film sicuramente da vedere, anche solo per scoprire cosa è accaduto nella redazione di Fox News e scoprire la figura di Roger Ailes. Così come già fatto in The Loudest Voice, la serie con Russel Crowe nei panni dell’orco di Fox News, ma in un’altra salsa.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!

Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".