Billie Eilish – Inizialmente Everything I Wanted parlava di suicidio

Non un soggetto nuovo, triste dirlo, per Billie Eilish

Billie
Billie Eilish O' Connell e Finneas O' Connell

Come sempre, la musica di Billie tratta temi estremamente delicati

Ecco cosa doveva riguardare inizialmente il successo più recente di Billie Eilish, la canzone Everything I Wanted. Il singolo, pubblicato da pochi mesi, è un tributo all’amore fraterno e al sostegno reciproco nei momenti di difficoltà. Tributo che risulta particolarmente significativo, dato che Billie e il fratello Finneas lavorano sempre insieme, e hanno raggiunto il successo praticamente fianco a fianco. Viene ora rivelato, però, che inizialmente la canzone doveva riguardare un tema molto più oscuro, e non purtroppo inedito nella musica di Billie: il suicidio. Diverse sue composizioni, infatti, scritte sempre a quattro mani assieme al fratello, ragionano spesso e volentieri su tematiche simili, e ricollegandosi anche a depressione, solitudine, incomprensione e ansia.

Billie Eilish – everything i wanted, 2019

LEGGI ANCHE: Billie Eilish – “Non pensavo che sarei arrivata a 17 anni”

L’ispirazione iniziale del pezzo, infatti, sarebbe stato un incubo nel quale la giovane cantante aveva sognato di togliersi la vita. Sottoposta però l’idea al fratello, questi chiaramente si sarebbe subito detto contrario all’idea di scrivere così direttamente su di un soggetto tanto delicato. Percependo l’importanza del problema di fondo, Finneas avrebbe allora proposto di affrontare sì l’argomento, ma “on the other side of this hill”, e cioè dalla prospettiva di chi riesca a superare l’impulso malsano di togliersi la vita. Cosa che infatti, infine, la canzone rappresenta, come il video (che potete vedere qui sopra). Il sostegno di una persona amata, sia un fratello, una sorella, o un parente o anche solo un amico, può essere decisivo.

Fonte: Billboard

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.