Il messaggio sovversivo di Joker ha spaventato Joaquin Phoenix

Joaquin Phoenix è tornato a parlare dell'intervista sul Joker da lui abbandonata qualche tempo fa a causa di una domanda sul messaggio del film.

Joaquin Phoenix, Joker
Joaquin Phoenix, qui in un frame del film Joker, è tornato a parlare dell'intervista abbandonata qualche tempo fa

Joker col passare dei giorni diventa sempre il film dell’anno per le motivazioni più disparate (qui potete leggere la nostra recensione).  Da poco è divenuto il film R Rated col maggior incasso della storia e sta viaggiando spedito verso il miliardo di dollari nei botteghini mondiali.

Oltre a questo tipo di motivazioni economiche, il film di Todd Phillips ha avuto anche un fortissimo impatto sociale. Sia negli Stati Uniti a causa della feroce critica contenuta nella pellicola, sia in varie parti del mondo, come Libano o Cile, dove i manifestanti hanno utilizzato i trucchi del Joker per scendere in piazza.

Leggi anche: La vera tragica storia di Joaquin Phoenix

Uno dei maggior crucci che l’opinione mondiale si poneva su un’opera del genere è che potesse ispirare violenza e ribellione armata a causa dei comportamenti del protagonista Arthur.

Era stata chiesta tempo fa un’opinione al protagonista Joaquin Phoenix che aveva reagito molto male, lasciando la conferenza stampa. 

Di recente, il protagonista di The Master è tornato su quell’incidente in un’intervista al Times.

Era una situazione scomoda in cui trovarsi. All’improvviso mi è sembrato di essere evasivo e cercare di evitare questo argomento perché mi ha messo a disagio. Ma davvero stavo pensando: “Questa è la cosa che ecciterebbe questo tipo di personalità che il mondo aveva paura che prendessero ispirazione dal Joker.”.

Leggi anche: 10 film sulla follia

Su questa discussione ha detto la sua, sempre al Times, anche il regista Todd Phillips, parlando della famosa scalinata del Bronx sulla quale è divenuta moda ballare e farsi foto.

È incredibile che un film che avrebbe dovuto ispirare, come dicono, il caos di massa ha davvero ispirato un gruppo di persone che ballano giù per le scale .Penso che parli più ai nostri tempi di ogni altra cosa.

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com