YouTube, rischio Ban permanente per chi usa AdBlock

YouTube

La notifica sta arrivando a tutti gli utenti Google: YouTube sta modificando i termini di servizio, aggiungendo qualche aggiornamento in più. E, come accade praticamente a tutti quanti, eccezion fatta per Sheldon Cooper, quasi nessuno legge la lunga lista di termini alla quale si è comunque obbligati a sottostare. Tuttavia, stavolta, leggerla può diminuire il rischio di non poter entrare più sulla piattaforma video più famosa al mondo. Perché chi ha un AdBlock rischia il ban permanente.

Questa richiesta di sottostare alla pubblicità dei video potrebbe anche ampliare il suo raggio anche se la cosa appare improbabile. Tuttavia, gli AdBlocker non sono più graditi e chi li usa potrebbe trovarsi il servizio bloccato giacché, testualmente, non più commercialmente applicabile. I termini di servizio di YouTube andranno in vigore dal 10 dicembre 2019. C’è ancora tempo quindi per disinstallare i vari AdBlock o estensioni che si hanno sui propri device. O, in alternativa, disattivarli quando si gira sul Tubo.

Leggi anche: 5 film gratis da vedere su YouTube

Questa scelta è stata presa per tutelare proprio i content creators, i quali trovano il loro guadagno proprio negli spot pubblicitari a inizio video. Con qualche aggiunta in mezzo ed alla fine. Un modo per tutelarli e garantire una qualità costante dei contenuti, secondo il distaccamento dell’azienda di Cupertino. Vero è che chi si limita ad usufruire di YouTube masticherà amaro, o qualsiasi altra cosa, in base ai propri Cookie.

Qui potete trovare l’aggiornamento completo di tutti i termini di servizio che, ricordiamo, saranno in vigore dal 10 dicembre 2019.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!