Dylan Dog, è ufficiale: James Wan produrrà la serie TV

Dylan Dog - arriva la serie TV

Dylan Dog, l’indagatore dell’Incubo più famoso d’Italia, avrà la sua serie TV, prodotta da James Wan

Tramite la sua casa di produzione, Atomic Monster, il re mida di Hollywood James Wan produrrà, al fianco della Casa editrice di fumetti Sergio Bonelli Editore, la serie TV, in lingua inglese, basata sul fumetto cult Dylan Dog.

La prima stagione sarà composta da 10 episodi e sarà sviluppata come una serie live-action.

Da parte di Bonelli Entertainment, la divisione che sviluppa i progetti cinematografici e televisivi basati sui personaggi della Casa editrice, i produttori esecutivi saranno Vincenzo Sarno e Giovanni Cova, con la supervisione di Michele Masiero e Simone Airoldi. Per Atomic Monster, i produttori esecutivi saranno James Wan e Michael Clear, con la supervisione di Rob Hackett.

Davide Bonelli ha espresso parole lodevoli per il lavoro che sono in grado di fare alla Atomic Monster con il genere horror/thriller che propone la serie di punta Dylan Dog.

James Wan e Atomic Monster sono maestri del genere horror e hanno una profonda sensibilità circa il modo migliore di adattare i fumetti allo schermo. Siamo entusiasti del fatto che una squadra come questa sia al lavoro su uno dei nostri personaggi più importanti.

James Wan, invece rivela di essere un fan di Dylan Dog da sempre:

Dylan Dog è uno dei miei fumetti preferiti di sempre. Sono stato iniziato per la prima volta alle storie dell’Indagatore dell’Incubo al liceo, dai miei amici europei. Anche se in quel momento non ho capito il testo a causa della lingua, ho facilmente ricostruito la storia attraverso i bellissimi disegni e i riferimenti al genere horror. Sono emozionato all’idea di collaborare con Sergio Bonelli Editore per portare tutto questo sullo schermo.

Non è stato specificato se l’autore di Dylan Dog, Tiziano Sclavi, sarà impegnato nel progetto. La produzione potrebbe iniziare già nel 2020.

A diffondere il comunicato è il sito ufficiale di Sergio Bonelli Editore.

Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti e Continuate a seguirci su Lascimmiapensa.com!