Samuel L. Jackson darà la sua voce ad Alexa, l’assistente di Amazon

samuel L. Jackson
samuel L. Jackson, la nuova voce di Alexa, in un frame tratto dal film Pulp Fiction

Samuel L. Jackson, uno degli attori feticci più importanti di Quentin Tarantino, è prima la stella del firmamento hollywoodiano a firmare un contratto con Amazon per prestare la propria voce ad Alexa.

Difatti, a partire dal 2020, sarà possibile per i possessori del celebre assistente virtuale del colosso dell’e-commerce, impostare come voce principale quella dell’attore protagonista di Pulp Fiction.

Il prezzo di partenza del pacchetto sarà di soli 0,99 dollari. Una cifra davvero irrisoria se si pensa che si potrà chiedere aiuto a una delle voci più iconiche della storia del cinema.

Leggi anche: Pulp Fiction – Recencione

Amazon ha annunciato a tutti questa possibilità per i possessori di Alexa affermando che

“La voce di Samuel L. Jackson potrà raccontarvi storielle divertenti, informarvi sulle condizioni meteo, programmare sveglie e timer, far partire l’esecuzione di brani musicali e molto altro, il tutto fatto con un pizzico del suo modo di essere.”

Gli utenti quindi, dopo aver acquistato il pack, dovranno soltanto dire “Alexa, presentami a Samuel Jackson”, scegliendo anche il tipo di risposte che vogliono dall’attore.

Difatti sarà possibile scegliere tra due tipologie ben distinte: quella normale e quella con termini espliciti nella quale l’attore che interpreta Nick Fury nell’MCU utilizzerà tutto il noto e colorito vocabolario.

Questo pacchetto vocale, cosi come qualsiasi altro pacchetti che si baserà sulla voce di una celebrità in futuro, ci dice Amazon, non potrà essere utilizzato per effettuare acquisti o utilizzati in promemoria.

Leggi anche: 7 curiosità su Django – Unchained

Però avremo la possibilità di chiedere a Samuel L Jackson di svegliarci alle 8 del mattino o magari di cantarci buon compleanno. Chissà se sarà in grado anche di recitare passi dei testi sacri, che so, Ezechiele 25.17 per esempio?

Che ne pensate di questa novità di Amazon? Che voci italiane vorreste sulla versione nostrana di Alexa?

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com